Australian Open, il governo di Victoria: "No ai non vaccinati"

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·1 minuto per la lettura
In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
Novak Djokovic (REUTERS/Loren Elliott TPX IMAGES OF THE DAY)
Novak Djokovic (REUTERS/Loren Elliott TPX IMAGES OF THE DAY)

Dopo l'apertura da parte della direzione degli Australian Open ai tennisti non vaccinati, previa quarantena da trascorrere in hotel, il governatore dello Stato di Victoria, Daniel Andrews ha fatto sapere che "i giocatori non immunizzati non avranno un permesso speciale per partecipare". 

Se così fosse, il campione in carica Novak Djokovic, che non ha mai voluto rivelare se sia o meno vaccinato, potrebbe essere escluso. Lo Stato di Victoria, che ospita il torneo non concederà alcun visto speciale: "Stiamo bloccando le persone non vaccinate fuori da pub, caffè, ristoranti, dal Melbourne Cricket Ground e da ogni sorta di altri eventi. Non chiederemo un'esenzione. Pertanto, il problema è sostanzialmente risolto" ha proseguito Andrews.

VIDEO - Chi è Novak Djokovic?

Durante la pandemia il governo federale ha gestito visti di ingresso ma spetta ai singoli stati la gestione delle strutture di quarantena. Un'e-mail della Wta trapelata all'inizio di questa settimana ha fatto intendere che i giocatori che non sono stati vaccinati contro il coronavirus sarebbero stati in grado di partecipare purché avessero completato la quarantena di 14 giorni.

Tennis Australia ha dichiarato che sta lavorando sia con il governo di Victoria che con quello federale, affermando che è "ottimista sul fatto di poter tenere l'Australian Open il più vicino possibile alle condizioni pre-pandemia".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli