Bailey irride un pugile su Snapchat, poi le minacce: "Ti spacco la faccia!"

Prima la ragazzata, poi la paura nel faccia a faccia con un boxeur professionista: è successo a Leon Bailey, attaccante-ala del Bayer Leverkusen.

Se l'è vista brutta Leon Bailey, attaccante-ala del Bayer Leverkusen. Il giocatore giamaicano, infatti, passato alle Aspirine alla fine dell'ultimo calciomercato invernale, approfittato della mancata convocazione per la gara contro il Wolfsburg per far ritorno a Genk, dove giocava precedentemente e qui ha rischiato di essere aggredito fisicamente da un pugile professionista desideroso di vendetta nei suoi confronti.

Ma andiamo con ordine. Durante la sua permanenza con il club belga, Bailey aveva ripreso di nascosto il boxeur professionista Atif Tanriseven Ribera durante uno dei suoi allenamenti. Non soddisfatto, il giamaicano aveva successivamente condiviso il video su Snapchat e definito lo stesso Ribera "un pagliaccio".

Saputo del suo ritorno in città, Ribera ha premeditato la sua vendetta. Il pugile ha organizzato infatti una vera e propria 'caccia all'uomo', filmando il tutto, fin quando non è riuscito a trovare Bailey. I due si sono così ritrovati faccia a faccia, e la situazione ha rischiato di degenerare in uno scontro fisico.

"Sei Leon Bailey? Perché mi hai registrato su Snapchat? Cancella il video e registrane un altro di scuse! - ha intimato Ribera al calciatore del Bayer - Io sono un pugile professionista, non puoi chiamarmi 'pagliaccio', pagliaccio sei tu, un approfittatore. Se ti sento dirlo ancora una volta ti spacco la faccia!".

Alle parole di Ribera, Bailey, accortosi di averla fatta grossa, si è seduto, visibilmente impaurito. "Non sei un Dio, ma un uomo come me. - ha proseguito il boxeur, con la situazione che è lentamente tornata alla calma - Sei un atleta e devi rispettare le altre persone, tu di boxe non sai nulla".

Bailey ha probabilmente imparato la lezione, il video incriminato è stato eliminato da Snapchat e la prossima volta sicuramente ci penserà bene prima di deridere su un Social un altro atleta. Alla fine tutto si è concluso per il giamaicano con un grande spavento.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità