Bambino, 4 anni, "morto di crepacuore" dopo la morte del padre

Yahoo Notizie
Bambino, 4 anni, "morto di crepacuore" dopo la morte del padre
Bambino, 4 anni, "morto di crepacuore" dopo la morte del padre

Un bambino di quattro anni è morto di “crepacuore” qualche settimana dopo che il padre è stato ucciso in un attentato organizzato dall’ISIS.

Jalal Masoyi, un combattante curdo Peshmerga, ha perso la vita lo scorso 31 luglio a Kulajo, in Iraq, mentre stava combattendo contro lo Stato Islamico. Secondo report del luogo, Jalal e il figlioletto di quattro anni Bryar avevano un rapporto molto speciale, e quando al piccolo è stato detto che il padre non sarebbe ritornato, ha sofferto di un infarto.

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

VIDEO - Come comportarsi quando si chiede soccorso

“Continuava a dire che gli mancava il padre e chiedeva come mai non sarebbe tornato a casa”, ha confessato un membro della famiglia all’emittente Kurdistan 24. Il bambino era diventato “così depresso” che “iniziò a evitare di mangiare”, hanno raccontato i suoi parenti.

Ma la sua situazione è peggiorata quando il bimbo ha iniziato a schiumare dalla bocca durante il sonno, obbligando la famiglia a portarlo all’ospedale. Bryar Masoyi è morto il 26 agosto tra le braccia della madre da depressione emozionale a causa della morte del padre qualche settimana fa.

VIDEO - Siria, uomo estratto dalle macerie

Sarà sepolto vicino al suo papà a Slemani, una città nel Kurdistan iracheno. La storia tragica del bambino ha commosso molti utenti online, che hanno voluto fare le condoglianze alla famiglia.

L’Iraq ha dichiarato vittoria militare sullo Stato Islamico a fine 2017, ma secondo Kurdistan 24, le forze dell’ordine diffondono allarmi sul ritorno del gruppo, mentre questo continua a sferrare brutali attacchi come attentati e rapimenti nella nazione

Potrebbe interessarti anche...