Barone: 'Serve il salary cap, le 3 della Superlega hanno ingaggi alti e troppi debiti. Noi non abbiamo giornali... Vlahovic? Ha un contratto, vedremo'

·2 minuto per la lettura

Il braccio destro del presidente della Fiorentina, Rocco Commisso, Joe Barone, ha parlato nel prepartita della sfida contro la Juventus sia del futuro del club viola che delle decisioni sulla Superlega.

DIFENDERE IL CALCIO - "È una partita molto sentita da parte nostra, soprattutto da parte della tifoseria. La squadra è operaia, lavora tanto e difende abbastanza bene. Vogliamo fare un’ottima partita, l’unica cosa che ci manca oggi è il tifo in una partita importante per il calcio italiano. Ricordiamo la parola calcio italiano: bisogna difenderlo e questo lo abbiamo ripetutto in questa settimana".

SUPERLEGA - "Se non ne sapevamo niente? Si, a parte quello che si sentiva negli ultimi anni di questo lavoro sulla Superlega. Tutto il calcio, non solo la Fiorentina è rimasto sorpreso. Noi abbiamo preso posizioni che ci vede distanti dalle 3 squadre italiane, ma anche da tutte le altre che stanno pensando di fare questa superlega. I club devono crescere all'interno dei campionati nazionali".

CONTRO I FONDI, SERVE RIVOLUZIONE - "Purtroppo noi non abbiamo giornali.... In particolare Rocco Commisso ha preso posizione contro i fondi, ma vogliamo una riforma del calcio. Vogliamo una riforma del calcio domestico. Dobbiamo parlare dei procuratori, del salary cap. Qui si parla di tre squadre con tanti debiti e ingaggi altissimi, oltre alle entrate che sono molto più alte rispetto agli altri. C'è bisogno di un reset e la Fiorentina vuol far parte di questo lavoro".

OBIETTIVI? - "Scudetto o Champions nel futuro? Pensiamo prima di tutto alla partita di oggi, la tifoseria è concentrata su questa gara"

VLAHOVIC E IACHINI - "Noi siamo molto attivi con tutti i giocatori. Fa parte del nostro lavoro. Stiamo già lavorando da tempo per il futuro e per il nostro campionato. L'allenatore di oggi è Iachini, per il prossimo anno vediamo. Vlahovic ha un contratto e i contratti vanno rispettati, poi lavoriamo con lui e con i suoi agenti e vediamo se ci saranno novità".