Bayern Monaco eliminato, la rabbia di Muller: “Giocavamo in 10 contro 14”

Muller e Rummenigge esprimono tutta la loro delusione dopo l'eliminazione del Bayern: "Siamo stati fregati nel vero senso della parola".

Il Real Madrid batte ancora il Bayern Monaco ed accede alla semifinale di Champions League al termine di una partita segnata da mille polemiche contro la direzione arbitrale. Thomas Muller si unisce al coro delle proteste con pesanti parole.

Intervenuto ai microfoni della stampa, l'attaccante tedesco punta il dito contro gli arbitri: "Non abbiamo sfoderato una prestazione perfetta, ma siamo scesi in campo da uomini. Guardando il modo in cui sono andate le cose, è estremamente difficile quando si gioca in 10 contro 14. Il 2-2 è stato il peggiore, l'assistente aveva una visione chiara. Questo ci ha ucciso".


Due goal in netto fuorigioco segnati da Cristiano Ronaldo, ma Muller ricorda anche l'ingiusta espulsione di Arturo Vidal: "Eravamo in gran forma dal punto di vista mentale dopo l'1-2 ed avevamo ancora 11 uomini in campo. Poi gli arbitri hanno invertito la nostra marcia. Non si può semplicemente dire che queste cose accadono, dopo quanto visto qui. Arturo forse poteva essere espulso prima, ma sicuramente non nel momento in cui ha preso il secondo giallo".

Sulla stessa lunghezza d'onda dell'attaccante è anche Karl-Heinz Rummenigge, ex bomber ma anche attuale amministratore delegato del club bavarese... "Siamo stati fregati nel vero senso della parola - ha affermato sfogandosi coi media tedeschi - E' la prima volta che sento tanta rabbia dentro di me per una partita. E' chiaro che nel calcio errori di questo genere possano accadere, ma una serie di tanti errori come quelli che abbiamo visto no. Non è ammissibile subire certe decisioni nei quarti di finale di Champions League".

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità