Behrami dirigente dell'Udinese: destino già scritto

Goal.com
In scadenza a fine giugno, Behrami potrebbe diventare subito dirigente dell'Udinese oppure giocare fino al 2020 per poi passare dall'altra parte.
In scadenza a fine giugno, Behrami potrebbe diventare subito dirigente dell'Udinese oppure giocare fino al 2020 per poi passare dall'altra parte.

Una stagione tribolata quella di Valon Behrami, che dopo aver saltato diverse gare a metà stagione per un problema muscolare, ha subito una frattura del perone a inizio aprile, compromettendo la proseguizione dell'annata. Con un contratto in scadenza tra un mese, si comincia a parlare del suo futuro.

Secondo Il Messaggero Veneto, infatti, Behrami vorrebbe continuare con l'Udinese almeno per un'altra stagione: si sente pronto per giocare con i bianconeri in Serie A anche nel 2019/2020, nonostante i problemi occorsi negli ultimi tempi e una carta d'identità che segna oramai 35 anni.

Per Behrami ci sarebbe subito dopo il ritiro l'opportunità di diventare dirigente dell'Udinese, anche senza tale possibilità potrebbe divenire realtà già nelle prossime settimane. Le due parti si vedranno nei prossimi giorni, così da definire le strategie e il destino dell'ex centrocampista della Lazio.

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Arrivato in Italia nel 2003, Behrami ha giocato con Genoa, Verona, Lazio, Fiorentina, Napoli e Udinese, con alcune stagioni intermedie passate in Premier League e Bundesliga. Legatissimo alla Serie A, ha ora l'opportunità di appendere gli scarpini e passare dall'altra parte. Ora, o fra un anno.

L'Udinese intanto sta puntando Alberto Grassi per il centrocampo, con o senza rinnovo di Behrami: il centrocampista svizzero non può comunque essere titolare in 38 gare su 38 vista l'età avanzata e i problemi fisici più frequenti e l'idea generale è quella di ringiovanire ulteriormente il reparto.

Chiuso il campionato di Serie A 2019 in quel di Cagliari, l'Udinese comincerà a lavorare sulla rosa della prossima stagione. Behrami nel limbo tra campo e dirigenza: ma il suo destino sarà ancora bianconero.

Potrebbe interessarti anche...