Bellingham come Owen, segna e accende il mercato: il messaggio di Klopp, il retroscena sulla Juve

Quando i top club bussavano alla porta del Dortmund per Bellingham la risposta era sempre la stessa: "Aspettiamo il Mondiale". Eccolo, è arrivato. E Jude non si è tirato indietro: dopo poco più di mezz'ora ha aperto l'avventura dell'Inghilterra con un colpo di testa contro l'Iran. Classe 2003, è il secondo marcatore inglese più giovane in una Coppa del Mondo dopo il gol di Owen all'Argentina nel '98. Su di lui c'è mezza Premier League più il Real Madrid, pressioni? Zero. Anzi, il ragazzo ha personalità da vendere.

INGHILTERRA-IRAN LIVE

CHI LO VUOLE - A 19 anni è capitano del Dortmund, che ogni volta che si faceva avanti qualcuno scuoteva la testa: "No, è intoccabile". Prima, perché ora sarà difficile non ascoltare certe offerte. Di fronte a una proposta importante i gialloneri potrebbero aprire alla cessione di Bellingham, che con il gol di oggi ha aperto una nuova era: è il primo giocatore nato dal 2000 in poi a segnare in un Mondiale. New generation guidata dal gioiellino che piace tanto a Jurgen Klopp: "Ha solo un problema, non è sul mercato". Il Liverpool, però, sarà una di quelle società che partirà all'assalto del ragazzo insieme a Chelsea e Manchester United.

ERA FATTA CON LA JUVE - E pensare che fino a qualche tempo fa lo voleva anche la Juve. Anzi, stava proprio per prenderlo. Era l'estate del 2020, Fabio Paratici aveva iniziato una trattativa con il Birmingham trovando un principio d'accordo, tanto che il giocatore viene in Italia rimanendo qualche giorno a Torino. Un tour per conoscere quella che sarebbe dovuta essere la sua futura città. Almeno così pensavano i bianconeri, convinti di aver chiuso l'affare. Jude però sceglie il Borussia e prende un biglietto di sola andata per Dortmund, dove oggi si sfregano le mani aspettando la prossima plusvalenza. Bellingham segna e apre il Mondiale dell'Inghilterra, dal Qatar arrivano messaggi per il mercato.