Binotto: “Non è colpa della strategia, la macchina non andava”

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 31 lug. (askanews) - La Ferrari esce con le ossa rotte dal GP d'Ungheria 2022, tappa del Mondiale F1 che è andata in scena sul circuito dell'Hungaroring alle porte di Budapest. Mattia Binotto, team principal della Ferrari, ha analizzato la situazione ai microfoni di Sky Sport F1: "Tutti si aspettavano un risultato diverso. Oggi la vettura non ha funzionato, non ha funzionato per quello che speravamo. Sento parlare di strategie: di base non è un problema di strategia, ma di macchina che non andava. Sainz ha fatto la stessa strategia di Hamilton ed è finito dietro: quando una macchina non funziona puoi mettere la gomma che vuoi, ma tanto non gira. Se oggi la macchina ci fosse stata non staremmo qui a parlare di gomma. Non ha funzionato la macchina, non ci ha dato il respiro di fare quello che volevamo".

Il tecnico ha poi proseguito: "Cercheremo di analizzare perché la macchina non aveva il passo giusto, questa è la nostra priorità. Oggi la macchina non ha funzionato, a differenza di come aveva funzionato in questo inizio di stagione. La prima volta in cui la vettura non aveva il passo gara sufficientemente veloce per tenere il passo di Mercedes e Red Bull. Al momento non ho risposte, ma qualcosa non ha funzionato correttamente.

Mattia Binotto ha concluso l'intervista in questo modo: "Possiamo continuare a lungo sulla strategia, ma di base c'era qualcosa che sulla macchina che non funzionava. Il problema più grosso era quello: non sto dicendo che il resto era giusto, ma la mia priorità è analizzare la prestazione. Non sto dicendo che la gomma bianca era giusta, è sbagliata. Ma il motivo è da ricercare nelle prestazioni della macchina. C'è un problema di prestazione della vettura su cui io metto l'accento".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli