Bonus Donne 2021: ecco come funziona

Primo Piano
·2 minuto per la lettura

In base alla Legge di Bilancio 2021, è previsto l’esonero del 100% dei contributi previdenziali per le aziende che assumono donne, disoccupate da almeno 12 mesi, fino a un massimo annuo di 6mila euro. 

Ecco come funziona la normativa e a che tipo di rapporti di lavoro può essere applicata: 

  • Le lavoratrici devono essere assunte nel biennio 2021-2022.

  • L’esonero non si applica solo alle nuove assunzioni, ma anche alle trasformazioni di rapporti di lavoro già esistenti.

  • I rapporti di lavoro inclusi nell'esonero sono: le assunzioni a tempo indeterminato; le assunzioni a tempo determinato; le trasformazioni in tempo indeterminato di un precedente rapporto di lavoro a termine.

  • Affinché il datore di lavoro possa beneficiare del bonus, deve sussistere “un requisito di svantaggio della lavoratrice”: deve cioè essere disoccupata da oltre 12 mesi o considerarsi comunque “priva di impiego”.

  • Il suddetto requisito deve sussistere “alla data dell’evento per il quale si intende richiedere il beneficio”. Ad esempio: se si intende richiedere il bonus per un’assunzione a tempo determinato, il requisito di svantaggio deve sussistere alla data di assunzione.

  • Se, invece, si vuole usufruire dell’esonero per la trasformazione di un rapporto di lavoro da determinato a indeterminato - senza averlo richiesto per la precedente assunzione a termine - il rispetto del requisito è richiesto alla data della trasformazione.

  • Per le assunzioni a tempo determinato il bonus dura fino a 12 mesi, mentre per le assunzioni a tempo indeterminato e le trasformazioni di un rapporto a termine fino a 18 mesi. Il bonus spetta anche in caso di proroga di rapporto di lavoro a termine, sempre fino a un massimo di 12 mesi

VIDEO - 5 Domande su… Il Gender Gap

VIDEO - Chi sono i più ricchi d'Italia? Ecco la classifica di Forbes