Boom nei centri fitness per la remise en forme primaverile

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 3 mag. (askanews) - Aumentano le iscrizioni nei centri fitness e con esse le ore di allenamento, gli utenti attivi e il fatturato. Il momento d'oro per l'industria del fitness è la primavera, che conferma il rapporto, ormai consolidato, tra italiani e attività sportiva. Secondo l'indagine condotta dall'International Fitness Observatory, sono oltre 5,5 milioni gli italiani iscritti in palestra, con un giro di affari che ruota intorno ai 2,3 miliardi di euro di fatturato annuo. Un tessuto imprenditoriale quello del fitness in Italia che rispecchia pienamente la predilezione generale nei confronti delle strutture piccole, più intime e concentrate sull'utente, piuttosto che i grandi club sportivi, forti del brand, ma meno personalizzanti. Infatti nel nostro paese la maggioranza dei centri è composta per il 59% da piccoli club indipendenti, per il 12% da catene e appena il 3% da franchising. Il restante 28% è formato da piccoli studi dove si praticano attività specifiche come lo yoga, il pilates o le sedute di personal training.

In Italia, dunque, l'industria del fitness è in prevalenza a carattere individuale, legata all'iniziativa del singolo o, comunque, composta da piccole realtà, dove si riesce ad offrire un trattamento sartoriale al cliente insieme a una maggiore attenzione alle sue esigenze. Attenzione che è il cuore di Fit And Go, azienda leader nel fast fitness che ha rivoluzionato questo settore. Non più ore e ore di allenamento estenuante con risultati non sempre apprezzabili, ma un'attività sportiva concentrata in sedute di pochi minuti (ne bastano appena 20 grazie all'utilizzo di macchinari in cui la tecnologia più avanzata garantisce il risultato). E non è dunque un caso che l'azienda romana abbia riscosso un successo importante in tutta la penisola, a partire proprio dalla capitale dove l'idea imprenditoriale di Marco Campagnano e soci è partita a luglio 2015.

Attualmente a Roma i punti Fit And Go sono 27, grazie alle nuove aperture in diversi quartieri, raggiungendo gli 85 centri operativi sulla rete italiana, che per la prima volta dalla pandemia sono tornati tutti in piena attività. L'azienda di fitness tech, infatti, ha aperto una nuova sede nel quartiere di Monte Mario, alla Montagnola (nei pressi dell'Eur), a Ponte Lanciani e nell'area della Stazione Tiburtina, in cui proprio in questi ultimi mesi è in atto una significativa operazione di riqualificazione urbana. Infine, Fit And Go si espande anche fuori i confini della capitale, con una nuova sede a Palestrina.

27 centri in totale a Roma dove poter dedicarsi ad un'intensa attività di rimise en forme, tipica del periodo pre-estivo, ma che grazie alle tecnologie impiegate da Fit And Go garantiscono risultati importanti senza stravolgere la propria routine quotidiana, fatta di impegni professionali e familiari. E proprio a Roma i numeri di Fit And Go sono tra i più importanti di tutta la penisola, con una media di oltre 17.500 euro di fatturato per centro, per un totale che sfiora i 500 mila euro solamente a marzo, il mese dei record, con oltre 3.200 clienti attivi e circa 15.700 allenamenti offerti.

"I numeri di Fit And Go a Roma, in particolare, ma direi sull'intera rete italiana, confermano che abbiamo vinto la nostra scommessa imprenditoriale. Piccoli centri dotati della massima tecnologia e grande attenzione ad ogni sessione di allenamento di ciascun cliente", dichiara con soddisfazione, Marco Campagnano, Ceo di Fit And Go. "A marzo, un mese importante e centrale, vantiamo significativi obiettivi in termini di fatturato e clienti raggiunti. E siamo particolarmente entusiasti di annunciare che, il prossimo giugno, Fit And Go parteciperà nuovamente a Rimini Wellness 2022, la più grande kermesse al mondo dedicata a fitness, benessere, sport, cultura fisica e sana alimentazione, occasione in cui presenteremo una serie di importanti novità".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli