Borrelli: "Credibile il rapporto di un malato certificato ogni dieci non censiti"

Yahoo Notizie
Angelo Borrelli (Photo by Cosimo Martemucci/SOPA Images/LightRocket via Getty Images)
Angelo Borrelli (Photo by Cosimo Martemucci/SOPA Images/LightRocket via Getty Images)

Secondo il capo della Protezione civile, Angelo Borrelli, l'Italia conterebbe oggi circa 600mila contagiati da coronavirus. Nonostante i numeri ufficiali parlino di 63mila casi di positività, in un'intervista a Repubblica Borrelli ammette: "Il rapporto di un malato certificato ogni dieci non censiti è credibile".

VIDEO - Coronavirus, parla il "Paziente 1"

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Cauto il "commissario" di fronte ai dati sui contagi in rallentamento per due giorni consecutivi: "Le misure di due settimane fa iniziano a sentirsi - osserva -. Nelle prossime ore dovremmo vedere altri effetti, capiremo se davvero la curva della crescita si sta appiattendo".

CORONAVIRUS, SEGNALI DI SPERANZA | LE BUONE NOTIZIE

CORONAVIRUS: TUTTI GLI ARTICOLI E I VIDEO SULL’EMERGENZA

Dicono le proiezioni matematiche che tra una settimana l'Italia supererà la Cina per numero di contagi: "Non me lo sarei mai aspettato" ammette Borrelli. Di fronte a questi numeri il capo della Protezione civile non rimprovera all'Italia errori di sottovalutazione: "Il 31 gennaio - dice - questo governo ha dichiarato lo stato di emergenza e bloccato i voli da e per la Cina, mi sembra che abbiamo compreso subito che questa epidemia era una cosa seria".

“IoRestoaCasa”: APPELLI E CONSIGLI PER AFFRONTARE L’EPIDEMIA

Ciò che è constata, piuttosto, di fronte ad un caso come quello della Lombardia, è la presenza di "comportamenti pubblici che hanno alimentato il problema nazionale". E sul caso della partita Atalanta-Valencia di Champions League disputata a San Siro ammette: "Potenzialmente è stato un detonatore, ma lo possiamo dire ora, con il senno di poi".

CORONAVIRUS: LA MAPPA INTERATTIVA DEI CONTAGI IN ITALIA

Di fronte a questi numeri, a chi gli chiede se abbia senso la ormai fissa conferenza stampa delle 18 replica: "Dal primo giorno ho assicurato che avrei detto la verità, è un impegno che ho preso con il Paese. Se ora ci fermassimo ci accuserebbero di nascondere le cose. E poi eravamo in mano alle singole Regioni, ai numeri degli assessori alla Sanità. Nelle prime settimane è stato il caos".

VIDEO - San Raffaele, parte la nuova terapia intensiva

Potrebbe interessarti anche...