Borsa, chiusura positiva europee

·1 minuto per la lettura

Le borse europee hanno chiuso positive in scia del ritorno degli acquisti in Asia (e più tardi sugli indici USA) dopo le indicazioni espansive arrivate dalla Banca centrale cinese.

A Piazza Affari, dove il Ftse Mib si è fermato a 27.570 punti (+0,73%), spicca in particolare il settore delle utilities: Telecom Italia, particolarmente penalizzata nelle ultime sedute, ha segnato un +3,34%, Enel è salita del 2,82%, Hera dell’1,68% e Terna ha messo a segno un +1,88%.

Chiusura sopra la parità anche per i bancari: Intesa Sanpaolo ha segnato un +0,69%, Banco Bpm ha chiuso con un +0,39% ed UniCredit ha terminato poco mossa (-0,01%). Secondo i rumor riportati dall’agenzia Bloomberg, l’istituto con sede in Piazza Gae Aulenti sarebbe vicina alla cessione della tedesca Wealthcap per un controvalore che potrebbe arrivare a 200 milioni di euro.

Variazione frazionale anche per Moncler (+0,07%), spinta ieri dai numeri di Richemont e Burberry, e per l’accoppiata formata da Eni, che ha segnato un -0,97%, e Saipem, scesa dell’1,32%. In corrispondenza dello stop degli scambi in Europa, il future sul Brent segna un +0,7% a 89 dollari al barile.

Con l’andamento dei Bund sempre sotto i riflettori, oggi il dato è in lievissimo territorio negativo (-0,029%), lo spread con i decennali emessi dal Tesoro italiano ha fatto segnare un rosso del 2,4% a 137 punti base. (In collaborazione con money.it)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli