Brescia, Cellino su Balotelli: "E' più fragile di quello che pensavo"

Contro la Roma è stato escluso dai convocati, ora Mario Balotelli torna a disposizione di Grosso: "Abbiamo un rapporto sincero, è a disposizione".
Contro la Roma è stato escluso dai convocati, ora Mario Balotelli torna a disposizione di Grosso: "Abbiamo un rapporto sincero, è a disposizione".

Le parole di Massimo Cellino su Mario Balotelli hanno già fatto il giro del web con grande polemica, ma il presidente del Brescia è tornato a parlare del suo attaccante facendo riferimento alla scelta di acquistarlo in estate.


Ai microfoni di 'Teletutto', il patron delle Rondinelle si mostra quasi pentito di aver puntato sull'attaccante italiano:

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

"Mario? Tornassi indietro gli chiederei se è davvero sicuro di firmare. È molto più fragile di quello che pensavo".

Cellino svela poi un curioso aneddoto sulla firma di Corini, che credeva fosse di un'altra città:

"Ero convinto fosse di Verona. Se avessi saputo che era nato a Brescia, non lo avrei nemmeno preso. È difficile allenare la propria città. Per questo a De Zerbi tempo fa, quando ci siamo sentiti, avevo detto che sarebbe stato difficile lavorare insieme qui. Quest'estate avrei dovuto valutare meglio quanto entusiasmo e quanta paura ci fossero in Corini: pensavo di poterlo accompagnare in un percorso di crescita, ma ho sbagliato sopravvalutando le sue capacità".

La squadra è stata affidata ora a Grosso, anche se i risultati non sembrano cambiati:

"Ha potenzialità, è in formazione. Come la nostra squadra. Io sono un imprenditore, non dico bugie alle persone: sono orgoglioso di essere qui e non mi nascondo. Sto cercando di dare un'organizzazione a questa società e di rendere felice la città".

Potrebbe interessarti anche...