'Brilli contro di me? Ti compro!'. Da Kluivert e Bogarde ad Andersson e Hauge: i 'nemici' presi dal Milan

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·1 minuto per la lettura
In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Jens Petter Hauge è l'ultimo di una lunga lista. Una lista compilata soprattutto negli anni '90, col calciomercato che impazzava, frenetico, pieno di soldi, ricco di investimenti e di nomi più o meno esotici, povero di web e contenuti video, ricolmo di fiducia negli occhi di chi andava in missione a osservare il diretto interessato. Il Milan, come tutti, si muoveva così. E attendeva con ansia il resoconto del match per capire se un giocatore potesse essere degno di vestire la maglia rossonera o no. E' nella leggenda, giusto per fare un esempio, la lettera di Italo Galbiati che descriveva 'tal' Andry Shevchenko: "E' da Milan!".

Non solo questo, però. A volte era il campo che ti convinceva, un campo condiviso, dove un tuo futuro acquisto era semplicemente un nemico sportivo da affrontare, studiare e sconfiggere. E poi, eventualmente, da comprare. E il Milan lo ha fatto tante, tantissime volte. Jens Petter Hauge è una curiosa coincidenza: Maldini, Massara e Moncada, le tre emme del mercato del Milan, lo seguivano da tempo, poi ha brillato con il suo Bordo/Glimt a San Siro in Europa e un'accelerata è stata doverosa. E la Classifica di CM di questa settimana parte da qui, dagli acquisti del campo, avversari che brillano o ti fanno male e che poi diventano tuoi uomini. Hauge dice: "Se non puoi batterli, unisciti a loro!". Ma in realtà qualcuno li ha battuti, i rossoneri. Vedi Kluivert...

@AngeTaglieri88

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.
Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli