Bufera sull'AIA: truccati i giudizi per favorire la scalata di alcuni arbitri e la penalizzazione di altri

Niccolò Mariotto
·1 minuto per la lettura

Il mondo degli arbitri italiani potrebbe essere travolto da una vera e propria bufera dopo che il quotidiano La Repubblica ha reso di dominio pubblico la denuncia alla Procura di Roma da parte dei due ex fischietti Daniele Minelli e Niccolò Baroni, dismessi per scarso rendimento la scorsa stagione.

Daniele Minelli | Gabriele Maltinti/Getty Images
Daniele Minelli | Gabriele Maltinti/Getty Images

La denuncia fa riferimento proprio alla dismissione dei due direttori di gara e alla promozione di altri: l'accusa è che le valutazioni operate al termine della scorsa stagione dalla commissione giudicante dell'AIA siano state ritoccate per favorire, per l'appunto, la scalata di alcuni fischietti e la penalizzazione di altri.

Fino all'anno scorso Minelli e Baroni facevano parte dell'organico della Serie B ma nell'agosto del 2020 sono stati dismessi dall'AIA per ragioni tecniche: al contempo Ivan Robilotta e Eugenio Abbattista, rispettivamente ultimo della graduatoria il primo e pronto alla dismissione per limiti di permanenza l'altro, sono stati invece promossi.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Alla luce di questo Minelli e Baroni e i loro legali hanno esposto denuncia alla Procura di Roma: tra le prove presentate dai due ci sarebbe una chat segreta su Whatsapp nella quale la commissione arbitri dell'AIA discuteva il cambio dei voti.

Segui 90min su Telegram per rimanere aggiornato su tutte le ultime novità di Serie A.