Buffon carica la Juventus: "Non saremo vittime sacrificali"

Mancano poche ore e poi sarà Juventus-Barcellona, il primo atto della doppia sfida dei quarti di finale di Champions. I bianconeri bramano vendetta e Gigi Buffon vede una squadra pronta per fare l'impresa.

"Non ho mai rivisto la finale di Berlino - ha esordito in conferenza stampa - , però ho dei ricordi abbastanza nitidi di quella serata. Ricordi che mi fanno essere moderatamente ottimista, nel senso che in quella occasione incontrammo una squadra molto più forte di noi, probabilmente come convinzione e come modo anche di affrontare determinati eventi.

Oggi incontriamo la stessa squadra che sulla carta è superiore a noi, ma noi nel frattempo abbiamo due anni in più di esperienza e di percorso europeo che ci ha dato autostima per poter affrontare questa gara con un piglio giusto e uno spirito giusto, senza essere per forza le vittime sacrificali".

Le emozioni saranno ancora tante per Buffon: "Sicuramente avrò tanto nervosismo, quello è uno stato d'animo che mi accompagna sempre in queste gare e spero di averlo anche domani, perchè altrimenti potrei smettere con le competizioni. 

PS Buffon

Queste gare è bello gustarsele anche con quell'approccio un po' pauroso, un po' teso, un po' da punto interrogativo. Sarà bello potersi ancora misurare con loro, sarà bello vedere dove si dovrà ancora migliorare, ci saranno tanti spunti significativi che ci daranno tante risposte al di là del risultato finale".

Buffon non ha mai preso goal da Messi: "Anche perchè ho avuto la fortuna di incontrarlo poche volte. Poi un'altra grande fortuna è che ho sempre avuto a disposizione dei difensori che gli hanno reso il lavoro molto difficile.

Comunque al di là di tutto questo penso che quando incontri certi giocatori qualcosina possa dipendere da te, ma in questo caso penso molto dipenda dal destino, dal fato e da Messi stesso".

Può essere la partita di Dybala: "Ci arriva nelle condizioni psico-fisiche migliori, si è preparato al meglio per questa sfida. E Paulo, come Gonzalo, come i campioni dei quali disponiamo, sanno benissimo che per noi compagni potersi avvalere di un Dybala al 100% e di un Higuain al 100%, è una grandissima fortuna e ci darebbe una grandissima carica e una grandissima sicurezza in più".

Può essere l'anno giusto? Buffon la vede così: " Io è da 22 anni che penso  e spero che sia sempre l'anno giusto, poi alcune volte capisci che poteva anche esserlo e non lo è stato. Per cui te ne devi fare una ragione. Ma inizialmente devi avere questo tipo di atteggiamento, lo devi avere per tutta la gara.

Alcune volte gli avversari sono più bravi e come può essere capitato a noi due anni fa in finale con il Barcellona, purtroppo ti dispiace perdere, ma perdi, lo devi accettare e fare i complimenti agli altri".

La debacle del PSG può essere un monito: "Si pensava che 6 goal non li avessero presi mai... invece è capitato proprio quello ed è da un punto di vista sportivo e societario, un insegnamento enorme, che tutto è possibile. 

Quando hai un certo tipo di approccio a determinate sfide, c'è anche la dea bendata che ti sostiene e ti dà una mano per far sì che raggiunga un traguardo impensabile".

 

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità