Buffon e il ritiro sfiorato: "Dopo il Barcellona ho pensato di smettere"

Il portiere della Juventus, Gigi Buffon, svela: "Ho pensato di smettere a giugno, il presidente mi ha dato invece un buon consiglio".

Serviva un’impresa alla Juventus per approdare alle semifinali di Champions League e l’impresa è puntualmente stata compiuta dalla compagine campione d’Italia.

I bianconeri infatti, sono riusciti a superare uno dei più importanti avversari in circolazione, il Barcellona, e sono riusciti a farlo concedendo pochissimo ad una squadra che può annoverare tra le sue fila su alcuni dei più grandi campioni del pianeta.

Gigi Buffon, parlando ai microfoni di Sky, ha spiegato: “E’ stata una grande soddisfazione, una gioia condivisa con il gruppo. I ragazzi della difesa e tutti gli altri si sono fatti in quattro al fine di uscire indenni da questa doppia sfida”.

La Juventus è riuscita a non subire goal contro l’ormai leggendaria MSN e, a tal proposito, il capitano bianconero ha svelato: “Per la seconda volta in vita mia non ho rispettato la parola data. Non racconto quale è stata la prima ma posso dire che avevo deciso che se non avessi preso goal contro il Barça sia all’andata che al ritorno sarebbe stato giusto ritirarsi a giugno. Ne ho parlato con il presidente il quale mi ha spiegato che a volte nella vita si dicono delle cavolate. Ho dovuto ritrattare, il presidente ha più esperienza di me e mi ha dato un buon consiglio”.

Dybala come Del Piero? Per Buffon non sarà semplice: “Paulo ha tutte le qualità per riuscire ad eguagliare Alex ma servirà grande volontà da parte sua. Oggi il calcio è cambiato, non è più quello di un tempo. Del Piero rappresenta qualcosa di unico per tutti i tifosi della Juventus, ha esaudito ogni loro sogno”.

 

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità