Burdisso è il nuovo dt della Fiorentina: "Gonzalez? Spero sia il nuovo Batistuta"

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·1 minuto per la lettura
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Per la Fiorentina prosegue la ristrutturazione dopo l'avvento di Vincenzo Italiano in panchina. Stavolta tocca alla dirigenza, con il club viola che ha ufficializzato l'arrivo di Nicolas Burdisso come nuovo direttore tecnico. L'ex difensore argentino che ha vestito le maglie di Roma, Inter e Torino, tra le altre, prima di diventare direttore sportivo del Boca Juniors, sarà molto attivo nello scouting per prima squadra e Primavera. E infatti l'arrivo di Nicolas Gonzalez, si deve proprio a Burdisso che già da un paio di settimane stava lavorando con Daniele Pradè.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Ai canali ufficiali viola Burdisso ha rilasciato la prima intervista da nuovo dt del club: "L'impatto è stato bellissimo, è una città che io conoscevo. Venivo qui tante volte per giocare, appena ho saputo di questa possibilità l'ho vista come una sfida e un'opportunità di crescita. Sono stati 10-15 giorni intensi. Il mio compito? Sono responsabile tecnico, devo collegare i bisogni della prima squadra, del settore giovanile e dell'area scouting. Sono io che devo proporre i nomi, cercare talenti in tutto il mondo e sostituire i giocatori in partenza".

FBL-2021-COPA AMERICA-ARG-CHI | MAURO PIMENTEL/Getty Images
FBL-2021-COPA AMERICA-ARG-CHI | MAURO PIMENTEL/Getty Images

Su Nicolas Gonzalez, l'acquisto più costoso della storia viola: "Nico Gonzalez? Si presenta da solo, l'operazione più costosa della storia della Fiorentina. Mi hanno chiesto il mio parere,ho dato il mio assenso. Ho visto ovviamente Gabriel Batistuta in maglia viola, spero che possa continuare quel mito. La cosa più importante per noi è costruire una squadra che rispecchi quello che è sempre stata la Fiorentina, per essere poi competitivi alla domenica". E ancora: "Ho iniziato il mio percorso da dirigente tre anni fa, iniziando nella mia casa, il Boca Juniors. Qui c'è tanto da fare e ho tantissime idee e voglia, voglio dare la mia consulenza ed essere una risorsa per il club. Mi piace poco parlare, molto lavorare. Sono sempre stato un uomo-spogliatoio, ed è questo che metto sul piatto Sarò una risorsa anche per i calciatori, per il progetto su cosa si vuol portare in campo. Da lì partono tantissime idee. Firenze per me è un orgoglio e una grandissima possibilità" ha concluso Burdisso.

Segui 90min su Instagram.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli