Cagliari, Simeone fa una promessa ai compagni

Ai microfoni de 'L'Unione Sarda' Giovanni Simeone ha presentato la sfida di domenica contro il Cagliari: "Non voglio pensarci: le emozioni vanno dall'amore al dispiacere. E io devo controllarmi per concentrarmi sul lavoro. Sarà una partita speciale, lo so. Ma non devo pensare al passato. Io voglio vincere".

"Saluterò Pezzella. È un amico, abbiamo giocato insieme per cinque anni, tra Viola e River. E poi tutti gli altri, soprattutto quelli dello staff medico, cui sono rimasto molto legato. Saluterò anche Montella. Astori è sempre con me. Anche domenica a Bergamo. È la sua città, ecco perché con l'Atalanta è stata una partita speciale. Ho ripensato a lui: una persona cui era facile voler bene. Parlava con tutti, cercava di spingere la squadra".

In chiusura Simeone ha fatto una promessa: "Dobbiamo continuare a non guardare la classifica e pensare alla prossima partita. Il quarto posto lo abbiamo raggiunto così: allenamento dopo allenamento, partita dopo partita. E se dovessimo arrivare in Europa ho detto ai ragazzi che li porterò in Argentina a mangiare buona carne, un asado a chilometro zero".

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Potrebbe interessarti anche...