Calcio e covid, Costa: "No vax non possono più giocare"

·1 minuto per la lettura

"Gli atleti no vax non possono più giocare". E' categorico il sottosegretario alla Salute Andrea Costa nel suo intervento a Radio Punto Nuovo, nel corso di Punto Nuovo Sport Show. Il giro di vite è legato al decreto varato ieri dal Consiglio dei ministri, che prevede l'estensione del Super green pass e nuove regole per la quarantena covid.

Il provvedimento riduce la capienza degli stadi al 50%. "Si vedevano troppi tifosi senza mascherina. Stiamo chiedendo un ulteriore sacrificio a tutti. Altri Paesi europei hanno preso provvedimenti più severi ma noi riteniamo che la riduzione al 50% possa bastare. Allo stadio si va solo se vaccinati o guariti, con il semplice tampone non si può già dal precedente provvedimento. Rivedere il protocollo nel calcio? Sicuramente, ci sono le condizioni per farlo", dice Costa.

Viste le nuove regole, alcune società sono già intervenute sulla vendita di biglietti. La Juventus, ad esempio, rende noto che "in attesa di ulteriori delucidazioni e conferme circa la capienza degli stadi ridotta al 50%, la vendita dei biglietti delle gare contro Napoli, Udinese e Sampdoria è sospesa. Nei prossimi giorni verranno date ulteriori informazioni circa le modalità d’accesso alle prossime partite per chi già in possesso del tagliando". A stretto giro, il Napoli comunica che "ù le vendite relative ai match con Sampdoria e Fiorentina (mini abbonamenti) e con il Barcellona in Europa League sono momentaneamente bloccate per poter predisporre un nuovo riallineamento della mappa dei posti a sedere".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli