Calcio e covid, stop partita con 30% giocatori positivi: ipotesi

·1 minuto per la lettura

Con il 30-35% di giocatori contagiati in una squadra, scatta il rinvio di una partita di Serie A? "E' un'ipotesi concreta, i diretti interessati stanno dialogando per arrivare un protocollo condiviso. Credo si possa arrivare a regole nuove che permettano di dare risposte omogenee su tutto il territorio nazionale". Andrea Costa, sottosegretario alla Salute, ospite di AdnKronos Live risponde alle domande sulle nuove regole che dovrebbero consentire al calcio - in particolare alla Serie A - di portare avanti la stagione nonostante le difficoltà legate al covid. Le ultime giornate sono state caratterizzate dall'intervento di varie Asl, con provvedimenti a macchia di leopardo.

"C'è un percorso avviato con questo mondo -dice Costa riferendosi al calcio-, in questo caso occorre creare omogeneità nel Paese. Quindi stabilire regole e protocolli precisi e per questo c'è un percorso avviato con la Lega Calcio, le Regioni e il ministero della Salute e confido che nei prossimi giorni si possa arrivare a un nuovo protocollo che farà chiarezza. Si parla di una percentuale del 30-35% di contagiati nelle squadre e potrebbe essere un parametro che ci permetta di arrivare ad una mediazione".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli