Calcio, Uefa nomina un consulente medico per Euro 2020

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 28 gen. (askanews) - La UEFA ha nominato oggi il dottor Daniel Koch, ex responsabile delle malattie infettive presso l'Ufficio Federale della Sanità Pubblica (Ufsp), come consulente medico di Euro 2020 per tutte le questioni relative alla pandemia da Covid-19. Lo ha annunciato in una nota lo stesso organismo che governa il calcio europeo.

L'anno scorso, il dottor Koch è salito alla ribalta nazionale guadagnandosi il rispetto dell'opinione pubblica svizzera per le sue spiegazioni costanti e rassicuranti su come combattere la prima ondata di infezione da Coronavirus.

"Il dottor Koch ha una vasta esperienza nel campo della salute pubblica e delle malattie infettive", ha dichiarato nella nota il presidente della UEFA, Aleksander Ceferin. "La sua esperienza sarà preziosa per aiutare la UEFA, le federazioni e le città ospitanti a trovare un percorso per garantire la presenza degli spettatori a EURO 2020 di questa estate nella massima sicurezza".

La UEFA ha ribadito ieri il suo impegno a disputare EURO 2020 in 12 città europee, secondo il calendario concordato la scorsa estate. Tuttavia, a causa della rapida evoluzione dei tassi di contagio e dei programmi di vaccinazione COVID-19 in corso, le decisioni finali sui piani per ospitare i tifosi all'interno degli stadi di EURO sono attese solo all'inizio di aprile.

"Sono felice di collaborare con la UEFA come consulente medico per EURO 2020", ha dichiarato il dottor Koch. "Sono molto ottimista sul fatto che lavorando a stretto contatto con tutti i partner coinvolti, troveremo le soluzioni migliori per organizzare il torneo quest'estate nella massima sicurezza per tutte le persone coinvolte e, ci auguriamo, per il maggior numero possibile di tifosi".

Durante la sua carriera all'UFSP, il dottor Koch ha anche diretto le unità di vaccinazione e preparazione alle pandemie, e ha lavorato in una task force per affrontare la pandemia di SARS nel 2002/03 e l'influenza aviaria H5N1.

Dopo aver studiato medicina nella capitale svizzera di Berna ed essersi laureato come medico, nel 1988 il dottor Koch è entrato a far parte del Comitato Internazionale della Croce Rossa (CICR). Durante i 14 anni al CICR, ha ricoperto il ruolo di coordinatore medico in Sierra Leone, Uganda, Sud Africa e Perù. Nel 1996/97, conclude la nota, il dottor Koch ha ottenuto un Master in salute pubblica (MPH) presso la rinomata Johns Hopkins University di Baltimora, negli Stati Uniti.