Juventus, un colpo da 4-2-3-1: con 50 milioni sfida all'Inter per Bernardeschi

La scelta di passare al 4-2-3-1, effettuata pensando principalmente alla Champions League, sta fornendo i suoi frutti. La Juventus è in piena corsa per raggiungere gli obiettivi stagionali, applica un gioco a tratti gradevole e, il che non fa mai male, si alimenta di entusiasmo. Detto questo, essendo una svolta tattica non indifferente, in corso Galileo Ferraris a giugno dovranno rinforzare il nuovo sistema di gioco, concentrandosi specialmente sul reparto offensivo.

Là davanti, infatti, per i campioni d'Italia la coperta è corta. Un solo uomo disponibile per le necessarie rotazioni – Pjaca – sullo sfondo qualche flebile apparazione del baby Kean. Troppo poco e, soprattutto, troppo rischioso. D'altro canto, per quanto concerne la stagione in essere, la dirigenza bianconera aveva pronosticato tutt'altro quadro: 4-3-1-2, 4-3-3 o 3-5-2; di certo non la svolta rock. Eppure, dopo la sconfitta di Firenze, lo staff tecnico ha optato per un cambiamento tanto radicale quanto produttivo.

Adesso la palla passa all'a.d. bianconero, Beppe Marotta, pronto a tuffarsi sulla sessione estiva con l'intento di sviluppare le tematiche di rito legate al nuovo modulo. Innegabile che molto dipenderà anche da chi siederà in panchina e, in tal senso, l'ipotesi che Massimiliano Allegri saluti tutti a giugno si fa sempre più concreta. Tuttavia, essendo quella bianconera una società lungimirante, i piani alternativi sono già scattati da un pezzo.

Federico Bernardeschi Fiorentina Milan Serie A 25092016

Chiunque avrà il timone zebrato, e questo raffigura il concetto base della Juventus che verrà, dovrà esaltare l'aspetto tecnico dell'organico. Ecco perché, ponendo l'attenzione sugli esterni alti, Madama ha iniziato a valutare diversi profili. Si chiacchiera tanto di Alexis Sanchez, non in perfetta sintonia con il mondo Arsenal, ma al momento l'apprezzamento zebrato sarebbe dei più embrionali. Mentre il futuro di Domenico Berardi del Sassuolo, corteggiato dall'Inter, rappresenta un vero e proprio rebus.

Ecco, dunque, un alto profilo seguito con grande interesse dalla Vecchia Signora: Federico Bernardeschi. Il tuttofare della Fiorentina, legato ai viola fino al 30 giugno 2019, ai campioni d'Italia piace molto. Autore di 35 presenze stagionali impreziosite da 13 centri e 5 assist, il 23enne di Carrara nelle prossime puntate diventerà un pressoché certo uomo mercato. Gli 007 che vanno per la maggiore conoscono alla perfezione la materia, tante le big interessate, ma con il movimento nostrano – spalleggiato da Juventus e Inter – più vivo che mai.

Suning farebbe carte false pur di portare questo giocatore alla corte di Stefano Pioli, così come Marotta e Paratici avrebbero deciso di valutare la fattibilità dell'operazione. Premessa: come accaduto in passato con Stevan Jovetic e Juan Cuadrado, all'insegna di una rivalità societaria piuttosto netta, per i bianconeri avere la meglio non sarebbe così semplice. Ma nel mondo degli affari, si sa, tutto è possibile. A maggior ragione se si iniziasse a ragionare sui 50 milioni. La Fiorentina, ed è bene precisarlo, non farà sconti a nessuno.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità