Calciomercato Milan, colloquio per Morata: l'ex Juventus obiettivo numero uno

Certo, il Milan ha cambiato società e in arrivo ci sono capitali freschissimi, ma difficilmente nella prossima estate i rossoneri potranno realmente portare in città un big tra i big. Si parla di Aubameyang, Benzema e compagnia: senza Champions quasi impossibile vederli difendere il Diavolo. Diverso invece il discorso per un ex Serie A.

Sì perchè Alvaro Morata, che con la Juventus è diventata grande, non è ancora arrivato ad un livello tale da poter escludere il trasferimento ad una squadra senza Champions, come nel caso di Aubameyang. Certo, anche il nome dello spagnolo è comunque difficile da raggiungere senza poter lottare sui tre fronti, ma di base è lui il primo obiettivo estivo per il Milan.

Nella giornata di ieri Fassone, Mirabelli e Montella, la nuova triade di calciomercato del Milan, si è riunita per discutere del più e del meno, tra cui il calciomercato oramai imminente. Per Morata c'è da battere la concorrenza del Chelsea, visto che lo stesso ex Juventus ha evidenziato di voler lavorare nuovamente con Conte.

Alvaro Morata Sporting Gijon Real Madrid La Liga

Con Diego Costa vicino al trasferimento cinese, il Chelsea acquisterà sicuramente in attacco: Morata potrebbe giocarsi la maglia da titolare con Batshuayi, che durante l'attuale stagione ha avuto meno spazio del previsto. Molto dipenderà dalla volontà dei Blues di puntare tutto sul '92 del Real, Milan pronto ad inserirsi.

El Ariete, pur giocando meno rispetto ai titolari del Real Madrid, ha già messo a segno 17 reti in stagione, uno in meno rispetto al record ottenuto con le giovanili dei Blancos nel 2011/2012. Ha segnato di più rispetto al biennio con la Juventus, dimostrando di essere maturo per poter giocare come titolare, anche come unica punta.

Il Milan si interroga sul futuro di Bacca, mai realmente apprezzato dai tifosi, mentre Lapadula dovrebbe sicuramente partire, probabilmente verso Genova. Nonostante i freschi milioni cinesi, il calciomercato del  Diavolo dipenderà dall'Europa: senza, sarà realmente dura acquistare un attaccante di valore. Il caso Bacca però insegna: il progetto, il vecchio fascino rossonero e lo stipendio possono comunque attrarre.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità