Calcioscommesse, Beppe Signori assolto con formula piena

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·1 minuto per la lettura

Il Tribunale di Piacenza ha assolto con formula piena l'ex attaccante della Lazio, Beppe Signori, in merito al filone dell'inchiesta sul calcioscommesse. Signori, che aveva rinunciato alla prescrizione, è stato assolto perché il fatto non sussiste. "Assolto con formula piena perché il fatto non sussiste, art. 530 co. 1 C. P. (Non per insufficienza di prove)!!! Vittoria nettissima senza se e senza ma!!!", scrive il 53enne bergamasco su Instagram. Signori era accusato di aver alterato il risultato della gara del 2 ottobre 2010 tra Piacenza e Padova.

"Sono davvero molto contento per lui, è un amico e so quanto ha sofferto per il giudizio sommario di colpevolezza che in tanti gli avevano affibbiato prima del tempo e per la radiazione dal calcio". Luca Marchegiani commenta così all'Adnkronos la sentenza di assoluzione. "E' un bene per lui e per il calcio questa sentenza -aggiunge Marchegiani-. Nessuno glieli potrà ridare indietro questi dieci anni estremamente difficili ma mi auguro che in qualche modo possa essere risarcito e che possa tornare nel mondo del calcio che è sempre stato il suo mondo".