Calendario F1: se salta Silverstone, quattro GP a luglio!

Roberto Chinchero
motorsport.com

L’esito dell’incontro in corso oggi tra i rappresentanti di Liberty e quelli del Governo britannico, in merito alla possibilità di fare tappa a Silverstone il prossimo mese di luglio con due gare del mondiale di F1, avrà un impatto importante sulla definizione della prima parte del calendario 2020.

Secondo le informazioni raccolte da Motorsport.com, quello che verrà ufficializzato entro fine mese non sarà un calendario completo, ma solo relativo alle tappe europee, in attesa di valutare l’evolversi della situazione nei continenti sui quali la Formula 1 spera di poter far tappa a partire da metà settembre.

Se il Governo britannico esonererà il personale della Formula 1 dalla quarantena in vigore oggi nel Regno Unito, le prime quattro tappe della stagione 2020 saranno quelle anticipate da tempo, ovvero la doppia gara sul Red Bull Ring (5 e 12 luglio) e a seguire la trasferta a Silverstone per altri due Gran Premi (26 luglio e 2 agosto).

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Qualora Liberty non riuscisse ad ottenere l’autorizzazione a essere esonerata dalla quarantena, scatterà il piano ‘B’, che prevede dopo la trasferta austriaca altre due gare in sequenza sul circuito di Hockenheim (19 e 26 luglio) senza la settimana di sosta tra i due eventi prevista in caso di trasferta a Silverstone.

Un provvedimento, quest’ultimo, indispensabile per andare incontro alle squadre con sede in Inghilterra, che non potrebbero fare ritorno a casa senza essere vincolate alla quarantena.

In questo caso, dopo la seconda tappa di Hockenheim seguirebbero due settimane di stop (indispensabili ai team inglesi per tornare nelle proprie sedi) per poi riprendere con una seconda sequenza di quattro gare dal 16 agosto al 6 settembre. Le sedi previste sarebbero Spagna, Ungheria, Belgio e Italia.

Nel caso in cui arrivasse l’okay dal Governo britannico, la sequenza di gare sarebbe meno stressante per gli addetti ai lavori: dopo Silverstone la F1 farebbe tappa in Ungheria (9 agosto) per poi avere una seconda settimana di stop prima della ripresa il 23 agosto per tre appuntamenti consecutivi.

Calendario senza quarantena UK

5 luglio Red Bull Ring

12 luglio Red Bull Ring

26 luglio Silverstone

2 agosto Silverstone

9 agosto Hungaroring*

23 agosto Barcellona *

30 agosto Spa-Francorchamps

6 settembre Monza

Calendario con quarantena UK

5 luglio  Red Bull Ring

12 luglio Red Bull Ring

19 luglio Hockenheim

26 luglio Hockenheim

16 agosto Hungaroring*

23 agosto Barcellona*

30 agosto Spa-Francorchamps

6 settembre Monza

* Hungaroring/Barcellona non sono ancora confermate, e potrebbero essere invertite

C'è incertezza sui GP extra Europei

In merito alla fase extra Europea sarà necessario attendere più tempo per avere un quadro attendibile della programmazione. Al momento la tappa di Singapore non è contemplata, e dopo Monza è prevista una settimana di sosta prima della doppia trasferta formata da Baku e Sochi.

La pianificazione è da prendere con le pinze, vista l’impossibilità di ipotizzare quale potrà essere lo scenario russo tra quattro mesi. Preoccupazione che oggi non è da meno per quanto riguarda il tour nelle Americhe, dove l’unica certezza (basandosi sui riscontri odierni) sembra essere il Messico.

Più rassicurante è la definizione della fase finale del Mondiale, con la trasferta del 22 novembre in Vietnam. Se la gara di Hanoi dovesse saltare, è prevista una doppia gara in Bahrain (29 novembre e 6 dicembre), prima della trasferta finale ad Abu Dhabi il 13 dicembre.

Potrebbe interessarti anche...