Cambio designatore per gli arbitri: via Rizzoli, spazio a Gianluca Rocchi

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·1 minuto per la lettura
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Dopo il cambio al vertice dell'AIA (Associazione Italiana Arbitri) con l'insediamento del neo presidente Alfredo Trentalange al posto di Marcello Nicchi, per gli arbitri arriverà un altro cambio. Dopo quattro anni, infatti, la CAN va verso l'avvicendamento del designatore arbitrale (ed ex fischietto) Nicola Rizzoli con la scelta che verrà ufficializzata a breve, nei prossimi giorni.

Gianluca Rocchi in Juve-Roma, ultima partita diretta la scorsa estate | Jonathan Moscrop/Getty Images
Gianluca Rocchi in Juve-Roma, ultima partita diretta la scorsa estate | Jonathan Moscrop/Getty Images

A prendere il timone al posto di Rizzoli sarà Gianluca Rocchi. L'ex fischietto, dopo il ritiro, si è occupato dei rapporti istituzionali tra Aia e club soprattutto per quanto riguarda il tema del VAR. E il fiorentino, quindi, diventerà a breve designatore unico della CAN sia per gli arbitri delle gare che per la scelta del VAR e dei suoi assistenti. Lo ha rivelato l'edizione odierna della Gazzetta dello Sport che ha spiegato come la decisione sia arrivata dopo una lunga trattativa con la Figc e il presidente Gravina.

Un dialogo in cui non sono mancati momenti di tensione visto che Trentalange avrebbe optato per la soluzione del doppio designatore, anche per favorire una uscita "soft" a Nicola Rizzoli, oltre ad un supervisore politico. E proprio quest'ultima richiesta avrebbe scatenato le ire di Gravina che ha paventato una clamorosa spaccatura che avrebbe portato al commissariamento dell'Aia, poi scongiurata dalla scelta di Trentalange di affidarsi a Rocchi.

Segui 90min su Instagram.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli