Caos Inter, Pioli si era dimesso! Offerta 'monstre' a Conte e Simeone

Il clima è quanto mai rovente in casa Inter dopo il pesante ko in trasferta contro la Fiorentina che rischia di compromettere la rincorsa nerazzurra all'Europa League. Nel dopo gara del Franchi è successo un po' di tutto, come racconta stamane 'Il Corriere dello Sport'.

Il D.s. Piero Ausilio, fresco di rinnovo fino al 2020, dopo un breve colloquio con Steven Zhang e gli altri dirigenti, è entrato furioso negli spogliatoi per dare una lavata di capo ai suoi giocatori e dopo averli richiamati all'ascolto ha preso la parola, urlando: "Un finale di stagione così non è da Inter e non lo accettiamo. Dovete tirare fuori il carattere e le p***e. Voi siete responsabili di questa situazione e voi dovete tirarvi fuori da soli. Vi abbiamo scelti e abbiamo fiducia in voi, ma adesso basta con questa figure. Dovete onorare questa maglia".

Il messaggio è stato recepito dai giocatori, che hanno ascoltato in silenzio e alcuni a testa bassa, mentre le urla si sono sentite da fuori lo spogliatoio. Poco più in là, nel suo stanzino, sempre secondo la ricostruzione del quotidiano sportivo romano, il tecnico Stefano Pioli aveva preso la decisione di rassegnare le sue dimissioni da tecnico nerazzurro alla società e l'aveva comunicata al suo staff. 

Icardi Fiorentina Inter Serie A

Dopo la sfuriata con la squadra, durata una decina di minuti, Ausilio, seguito dagli altri dirigenti, va dall'allenatore per verificare la situazione. "Mi faccio da parte. - dichiara con grande professionalità - Sono pronto a rassegnare le dimissioni se il problema sono io".

La società si prende una ventina di minuti per valutare e scarta per il momento la carta Vecchi come possibile traghettatore per le ultime 5 gare della stagione. I dirigenti tornano così da Pioli e gli comunicano la decisione di respingere le sue dimissioni e lo convincono ad andare avanti, almeno fino alla sfida di domenica prossima contro il Napoli. Parla anche Steven Zhang. Il tecnico parmense dice di sì e si reca a fare le interviste. Sono le 23.25 di sabato sera.

Prima di salire sul pullman che riporterà la squadra a Milano, poi, Pioli riceve l'abbraccio di Steven Zhang, segno inequivocabile della fiducia della società nei suoi confronti. Per i giocatori nessun ritiro punitivo ma 2 giorni di riposo, con gli allenamenti che riprenderanno soltanto martedì, per ripulire la testa dalle scorie dei 2 soli punti conquistati nelle ultime 5 gare. 

Domenica, contro il Napoli, a San Siro dovrebbero esserci sia il presidente Erick Thohir, sia il patron di Suning Zhang Jindong, a indicare l'importanza che la sfida con i partenopei ha per la stagione dei nerazzurri. Possibile anche che sabato lo stesso Zhang parli alla squadra nella speranza di scuoterla.

La prossima partita rappresenterà l'ultima occasione di riscatto per il gruppo: in caso di risultato negativo scatterà quasi sicuramente un ritiro a tempo indeterminato fino al termine del campionato. Intanto, secondo quanto afferma 'La Gazzetta dello Sport', la società nerazzurra, nonostante le criticità, resta molto ambiziosa per il futuro e pensa a un tecnico di grido in panchina per la prossima stagione.

2017-04-15-atletico-simeone

In tal senso sarebbe pronta un'offerta 'monstre' per Diego Pablo Simeone e Antonio Conte, i due allenatori in cima alle preferenze di Suning. Consapevole delle difficoltà obiettive di strappare i due tecnici ad Atletico Madrid e Chelsea, l'Inter vuole comunque provarci fino in fondo e proporrà loro un ingaggio da 11 milioni di euro a stagione per 5 anni di contratto. Uno stipendio che solo José Mourinho ha avuto fra gli allenatori nerazzurri.

Se Conte è la prima scelta, è tuttavia sul fronte Simeone al momento che sembrano esserci i maggiori spiragli. Una volta fatta la doppia offerta, la proprietà cinese aspetterà comunque una risposta positiva entro 3 settimane. Se nessuno dei 2 tecnici la darà, si valuteranno le alternative. 

Fra queste ultime salgono vertiginosamente le quotazioni di Luciano Spalletti, che sembra ormai essere ai titoli di coda con la Roma. Tanto che Ausilio avrebbe già parlato con lo staff del tecnico toscano. Da non scartare nemmeno l'ipotesi Leonardo Jardim, attuale tecnico del Monaco protagonista in Ligue 1 e soprattutto in Champions League. 

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità