Caso Djokovic, Ibra lo sostiene: "Contrario al vaccino per poter lavorare"

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
·1 minuto per la lettura
In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
Caso Djokovic, Ibra lo sostiene:
Caso Djokovic, Ibra lo sostiene: "Contrario al vaccino per poter lavorare" (REUTERS/Daniele Mascolo)

Il caso Djokovic si è concluso con l'espulsione del tennista dall'Australia perché non vaccinato contro il coronavirus. Tra le voci a favore del campione serbo si è stagliata anche quella del calciatore svedese Zlatan Ibrahimovic, che ha commentato quanto accaduto a Djokovic in un’intervista al quotidiano domenicale francese Le Journal du Dimanche.

“Vaccinarsi per ragioni di salute non è la stessa cosa che farlo per disputare un torneo di tennis. Ognuno deve poter avere la sua opinione”, ha dichiarato il centroavanti del Milan, che più volte ha ribadito: “Chi si fa un vaccino, lo fa perché ci crede, perché pensa sia efficace contro la malattia”.

Novak Djokovic (zz/John Nacion/STAR MAX/IPx 2018)
Novak Djokovic (zz/John Nacion/STAR MAX/IPx 2018)

È una scelta individuale per Ibrahimovic, che non deve dipendere dal lavoro. “Ognuno ha la sua opinione. La gente non dovrebbe essere obbligata a vaccinarsi soltanto per poter andare al lavoro”, ha detto. E in merito al suo stato di immunizzazione ha precisato: “Io mi sono vaccinato perché penso che il vaccino mi protegga, non per poter giocare al calcio. Sono due situazioni diverse”.

VIDEO - Novak Djokovic torna a casa: il campione arriva in Serbia dopo essere stato respinto dal governo australiano

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli