Caso Salernitana, oggi il Consiglio federale per stabilire l'ammissione in Serie A: fiducia con il 'nuovo' trust

·1 minuto per la lettura

Chi sarà la 20esima società che prenderà il via ai nastri di partenza della prossima Serie A? La risposta arriverà molto probabilmente oggi quando nel primo pomeriggio si terrà il nuovo Consiglio della Figc chiamato a votare sull'ammissione o meno della Salernitana che sta provando, finalmente e definitivamente, a sbrogliare il caos legato alla proprietà in comune con la Lazio e che, fino al termine dello scorso campionato, faceva capo a Claudio Lotito.

IL NUOVO TRUST - Dopo il primo tentativo andato a vuoto da parte dell'imprenditore romano di costituire un trust con finalità di cessione del club entro 6 mesi dalla fondazione, proposta respinta in prima istanza dalla Figc, oggi il "nuovo trust" o se vogliamo la forma 2.0 di quello già presentato, potrebbe portare al sì definitivo per l'ammissione. Di fatto sarà ridotto a uno il numero di Trustee con Marchetti che resterà l'unico garante, ma sotto il controllo anche della federcalcio. Inoltre Lotito ha anche accettato che siano vietati tutti i rapporti diretti con la Lazio e che, se entro il 31/12 non arrivasse la cessione, la Salernitana sarà retrocessa d'ufficio.

COVISOC E FIDUCIA - C'è grande fiducia da parte del patron Lotito poiché dopo le perplessità e i dubbi iniziali manifestati dalla Federcalcio, l'attuale numero uno della Salernitana si sente di aver apportato tutte le modifiche richieste per quello che è il nuovo trust. Il dubbio finale rimane solo sull'indipendenza economica della società campana dalla Lazio con la Covisoc che sta analizzando i conti e già entro la mattinata di oggi manderà la propria valutazione finale. Poi si arriverà alla votazione di oggi che come detto, salvo sorprese, dovrebbe confermare l'accesso in Serie A.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli