Caso tamponi, ecco le richieste: multa e niente penalizzazione per la Lazio, oltre un anno di inibizione per Lotito

FA
·1 minuto per la lettura

E' iniziato il processo per il caso tamponi, che vede coinvolti la Lazio e il suo presidente Claudio Lotito, e arrivano i primi dettagli dall'udienza, che si svolge in videoconferenza presso il Tribunale Federale: emergono le richieste della Procura Figc, presieduta da Giuseppe Chinè, la società biancoceleste evita la stangata.

LE RICHIESTE - Secondo quanto appreso infatti, la richiesta della Procura è di una semplice ammenda da 200mila euro per la Lazio, nessun punto di penalizzazione come si ipotizzava nelle scorse ore. Più dura invece la requisitoria nei confronti di Lotito: inibizione di 13 mesi e dieci giorni, qualora fosse accolta il presidente biancoceleste accumulerebbe oltre un anno di inibizione negli ultimi dieci anni e dunque decadrebbe da ogni incarico in Federazione e dunque sarebbe estromesso dal Consiglio. Richiesta di inibizione di 16 mesi invece per i due medici della Lazio, Ivo Pulcini e Fabio Rodia. Non è stato invece ammesso come parte interessata il Torino, che aveva fatto richiesta in quanto coinvolto nel periodo preso in esame. La sentenza del Tribunale federale è attesa già in serata.

PARLA L'AVVOCATO - L'avvocato difensore della Lazio, Gianmichele Gentile, commenta a Rai Sport le richieste della Procura federale: "Sono molto esagerate le richieste avanzate dalla procura della Figc. Sono frutto di una visione completamente sbagliata dell'intera vicenda".