Cassazione: sì a adozioni all'estero da parte di coppie gay

Primo Piano
·1 minuto per la lettura
(Getty Creative)
(Getty Creative)

La Corte di Cassazione ha riconosciuto a due uomini omosessuali lo status di padri nell’anagrafe italiana. Si tratta di un italiano con cittadinanza americana e di un cittadino statunitense che hanno adottato un bambino a New York. 

Non trattandosi di un caso di maternità surrogata, pratica vietata in Italia, la Suprema Corte ha respinto il riscorso del sindaco di un comune lombardo che, opponendosi alla decisione del tribunale, aveva negato l’ufficializzazione dei due padri. 

La Corte di Cassazione ha appurato che non c’è stato scambio di denaro tra i genitori biologici e la coppia di padri, dunque “il fatto che il nucleo familiare sia omo-genitoriale” non può essere un “elemento ostativo all’adozione”.

GUARDA ANCHE: Verona, al congresso delle famiglie no ad adozioni gay

GUARDA ANCHE: Ungheria e adozioni gay; le famiglie arcobaleno: "Ci fate sentire sbagliati"