Ceferin: "Champions League ed Europa League a porte chiuse"

Adx
Askanews

Roma, 21 lug. (askanews) - "Al momento abbiamo programmato di giocare tutte le restanti partite senza pubblico fino a nuovo avviso. Non vogliamo correre alcun rischio". Il presidente dell'Uefa Aleksander Ceferin conferma la posizione del massimo organo calcistico europeo sulla possibilità di vedere pubblico sugli spalti nella fase fase finale della Champions e dell'Europa League, la cui ripresa è in calendario a inizio agosto. "Sono una persona ottimista - precisa però Ceferin in un'intervista con Uefa Direct - e la mia grande speranza mi dice che gli spettatori potranno tornare a riempire gli stadi il prima possibile".

Ceferin nell'intervista ha ribadito di essere convinto che la Uefa abbia preso le decisioni giuste al momento giusto in questi mesi. "Abbiamo creduto fin dal primo momento che le competizioni Uefa 2019/2020 si sarebbero concluse nel 2020" spiega il presidente dell'Uefa. "Noi come organo di governo abbiamo dovuto occuparci di tutto il calcio, non solo delle competizioni Uefa e di conseguenza, abbiamo cercato di fare da guida in Europa, e credo che ci siamo riusciti con successo". Spazio anche alla scelta di rimandare Euro 2020: "Credo che sia stato un momento decisivo, perchè è stata presa in una fase abbastanza precoce - aggiunge - tutti hanno capito che l'abbiamo fatto per aiutare gli altri protagonisti del calcio e, ancora una volta, devo sottolineare lo spirito di totale unità e solidarietà che si stava delineando".

Ceferin sottolinea anche l'aiuto economico dato alla Federazioni. "Abbiamo versato un anticipo di 236,5 milioni di euro dal programma di finanziamento Uefa HatTrick che le federazioni potranno utilizzare per coprire le eventuali perdite economiche causate dal Covid-19". Un sostegno annunciato come "immancabile anche in futuro"

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Potrebbe interessarti anche...