Ceferin tuona: 'La Superlega è finita. Barça, Real e Juve minacciano la Uefa e i nove club usciti'

·1 minuto per la lettura

Aleksander Ceferin torna ad attaccare duramente Barcellona, Real Madrid e Juventus. In un'intervista concessa al Daily Telegraph, il presidente della UEFA torna a parlare del progetto Superlega: "Chiunque abbia un minimo di buonsenso adesso non ci proverà più. Ho vissuto 48 ore stressanti ma è un bene che sia andata così. Anche le persone più ignoranti del mondo capiscono che la Superlega è finita ed è stata una delle cose più strane che abbia mai visto. Sono usciti con un comunicato stampa per dire che 'la Superlega esiste ancora' e poi due giorni dopo hanno inviato la richiesta per giocare in Champions League. Allora: dove volete stare?".

MINACCE - Ceferin accusa poi i tre club, Barça, Real e Juve, di minacciare la UEFA e gli altri nove club che hanno abbandonato il progetto: "Ora minacciano con lettere in cui ci avvisano che ci denunceranno... Avranno davvero troppi soldi per farlo. Se fosse così dovrebbero investirli sul calcio femminile e su quello giovanile. Credo stiano minacciando anche gli altri nove club, dopo aver detto che il calcio sarebbe morto senza Superlega... Che delirio. Ricevo lettere minatorie, io non le ho lette ma me lo dice la divisione legale. Io parlo con i 244 club dell'ECA, non solo con i più popolari al mondo. Inseguono tutti, minacciando, ribadendo il loro punto di vista: 'Facciamo beneficenza a tutti'. Ma chi la vuole la carità?".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli