Cessione Milan, corsa contro il tempo: 80M da SES entro venerdì o l'affare salterà

Milan: Fininvest attende entro venerdì altri 80 milioni, altrimenti la trattativa salterà definitivamente. E Montella si interroga sul proprio futuro.

Continua, ma sempre con grande difficoltà e lentezza, la trattativa che dovrebbe portare il Milan in mani cinesi. Nella giornata di mercoledì SES ha effettuato il versamento della somma parziale di 20 milioni di euro. Ma poichè non c'è alcun accordo su una dilazione di questo terzo pagamento, Fininvest attende entro la fine della settimana gli altri 80 milioni necessari per poter mettere nero su bianco sul contratto riaggiornato e rivisto.

Li Yonghong resta ancora molto fiducioso riguardo il completamento dell'operazione (anche se c'è sempre difficoltà nell'ottenere le autorizzazioni governative per avere a disposizione gli altri 300 milioni necessari per acquistare la società meneghina), ma è possibile che possa essere spostata più in là del 7 aprile, per motivi tecnici, la data del closing. Tutto comunque potrà essere ulteriormente chiarito quando e se SES verserà questa terza caparra e si metterà mano al contratto.

Nel frattempo si continua a pensare che nel momento in cui la trattativa non dovrebbe concretizzarsi, coi 220 milioni di euro incassati, Berlusconi si potrebbe garantire il pagamento delle spese di gestione di questi ultimi anni, il ripianamento di parte del rosso di bilancio che porterà all'ennesima ricapitalizzazione. E potrebbe anche restare qualcosa a disposizione per il calciomercato della prossima estate, in questo momento ovviamente totalmente fermo.
 
Capitolo Montella. L'allenatore rossonero, legato da un contratto fino al giugno del 2018, vuole essere padrone del suo destino. Questa situazione di incertezza non lo fa sentire totalmente tutelato. Nel momento in cui dovesse restare Berlusconi vorrà sicuramente dal patron delle rassicurazioni riguardo il futuro, anche dal punto di vista della costruzione della squadra.

Sembra invece molto preoccupato del futuro targato SES, tanto che potrebbe anche decidere di congedarsi nel momento in cui la nuova situazione societaria non lo dovesse convincere del tutto. Le alternative non gli mancherebbero: si parla innanzitutto di un possibile ritorno alla Roma.

 

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità