Champions, Juve ok: doppio Morata e Dinamo ko

webinfo@adnkronos.com
·2 minuto per la lettura

Una doppietta di Alvaro Morata consente alla Juventus di conquistare i tre punti nella prima sfida di Champions League contro la Dinamo Kiev. Il successo per 2-0 della squadra di Pirlo, all'esordio su una panchina in Champions, contro la formazione dell'esperto Lucescu, alla prima sconfitta in stagione, è apparso ampiamente meritato.

Per la trasferta a Kiev nel match valido per il Gruppo G, i padroni di casa hanno schierato un 4-3-3 che è apparso poco propositivo con Tsygankov, Supryaha e De Pena in attacco. Pirlo ha opposto la sua Juve con un 3-4-1-2 con Ramsey dietro le punte, Kulevski e Morata e Dybala in panchina. Chiesa e Cuadrado sugli esterni, Bentancur e Rabiot in mezzo al campo. In difesa Danilo, Bonucci e Chiellini.

La Juve manovra e affonda al 12' con un bel sinistro di Chiesa che Bushchan respinge in tutto. Passa un minuto e i bianconeri sfiorano ancora il vantaggio: angolo di Chiesa, Bushchan sfiora male la palla e Chiellini di testa non ne approfitta, sfiorando il palo. Al 18' problemi per lo stesso Chiellini che deve uscire, al suo posto Pirlo inserisce Demiral. La Dinamo attende e cerca di ripartire e la Juve imposta. Al 32' Rabiot entra pericolosamente in area ma è chiuso da Sydorchuk. Due minuti dopo ancora bianconeri pericolosi: grande azione a sinistra di Ramsey, palla dentro per il colpo di tacco di Kulusevski che viene parato da Bushchan con un guizzo sul primo palo.

Ad inizio secondo tempo la Juve passa: Chiesa serve Ramsey, palla dietro e tiro di Kulusevski con respinta corta del portiere e Morata in agguato pronto a ribadirla in rete per l'1-0. Al 55' Pirlo inserisce Dybala per Kulusevski e l'argentino poco dopo entra in area ma non trova lo spazio del tiro. Passano dieci minuti senza grosse occasioni e Chiesa tenta lo sfondamento in area ma poi tocca la palla sul fondo. La Juve arretra il baricentro e la Dinamo cerca di rientrare in gara. Al 78' Buyalskiy si gira e conclude ma la palla viene smorzata dalla difesa. Poi all'81' un traversone insidioso dalla destra impegna Szczesny che con il pugno allontana la minaccia.

Ci pensa però ancora Morata a chiudere la sfida. L'attaccante spagnolo all'84' sfrutta alla perfezione un traversone dalla destra di Cuadrado e di testa in anticipo segna il 2-0 che di fatto chiude la gara. Nel recupero ultimi tentativi della Dinamo. Prima Sydorchuk ci prova da lontano ma Szczesny in tuffo salva e poi su punizione tocca a Shaparenko ma la conclusione è di poco larga sul fondo.