A che età arrivano i top player nei migliori campionati europei: l'Italia è un Paese per vecchi?

Matteo Baldini
·5 minuto per la lettura

Tra i tanti criteri che permettono di valutare un campionato, al di là di stelle e icone popolari e dei risultati dei club in contesti internazionali, attira sempre maggiore attenzione il rilievo dato ai giovani e lo spazio che questi riescono a trovare in campo con più o meno continuità.

Non ritagli nel finale o nelle sfide meno significative ma una fiducia reale, tale da cambiare a tutti gli effetti il profilo di un movimento calcistico: osservando i principali campionati europei è evidente come tale differenza risulti lampante, anche a una prima occhiata, considerando la presenza di contesti in cui i giovani, stranieri ma soprattutto prodotti dal vivaio, vengono responsabilizzati fin da subito.

Ecco dunque il punto della situazione nel panorama europeo, prendendo in considerazione i top player di Premier League, Liga, Serie A, Bundesliga e Ligue 1. Nell'analisi in questione, per stabilire i giocatori più rappresentativi, si considerano i 20 elementi dal maggior valore di mercato (secondo Transfermarkt) e i 10 giocatori dallo stipendio più alto: a quale età, in media, arrivano i top player nei vari campionati?

5. Bundesliga: 20 anni

Il giovanissimo Borussia | INA FASSBENDER/Getty Images
Il giovanissimo Borussia | INA FASSBENDER/Getty Images

E quel che emerge a una prima occhiata trova una conferma importante anche nei numeri: la Bundesliga è il campionato in cui i top player arrivano in età più giovane e in cui, di fatto, questi vengono spesso prodotti dal vivaio delle squadre protagoniste. Un discorso che vale sia per i giocatori dal valore di mercato più alto (Haaland e Sancho per esempio) che, guardandosi indietro, per quei giocatori divenuti top player col tempo, come Neuer, Muller e Lewandowski.

Questi i top player presi in considerazione per valore di mercato e ingaggio: Cartellino: Haaland, Sancho, Kimmich, Davies, Sané, Gnabry, Goretzka, Coman, Upamecano, Lewandowski, Alaba, Wirtz, Lucas Hernandez, André Silva, Sabitzer, Tapsoba, Nkunku, Reyna, Diaby, Dani Olmo.

Ingaggio: Neuer, Muller, Witsel, Hummels, Reus, Boateng, Pavard, Tolisso, Emre Can, Douglas Costa.

4. Liga: 21 anni

Fati e Messi | Octavio Passos/Getty Images
Fati e Messi | Octavio Passos/Getty Images

Un altro contesto calcistico in cui, storicamente, i giovani del vivaio riescono a imporsi tra i big è quello spagnolo: la situazione è leggermente diversa rispetto alla Bundesliga, la media del resto cresce di un anno. Un'età media di arrivo nella Liga che si lega al maggior numero di elementi già affermati ed esperti che approdano nel campionato spagnolo, rispetto a una Bundesliga abituata a formare in casa i propri gioielli e di puntarci a lungo. A titolo esemplificativo elementi come Modric, Pjanic e Hazard sono arrivati in età già matura, una situazione che in Bundesliga appare molto più rara (se non nulla).

Questi i top player presi in considerazione per valore di mercato e ingaggio:
Cartellino: Oblak, Ansu Fati, Joao Felix, De Jong, Messi, Courtois, ter Stegen, Pedri, Valverde, Oyarzabal, Marcos Llorente, Varane, Casemiro, Koundé, Gimenez, Griezmann, Koke, Sau, Pau Torres, Diego Carlos.

Ingaggio: Sergio Ramos, Marcelo, Modric, Kroos, Piqué, Suarez, Coutinho, Hazard, Pjanic, Benzema.

3. Ligue 1: 21,5 anni

Neymar, Kean e Verratti | Xavier Laine/Getty Images
Neymar, Kean e Verratti | Xavier Laine/Getty Images

Quanto succede nella Liga si amplifica ulteriormente spostandoci in Francia: se da un lato esistono fucine di giovani talenti che, storicamente, danno spazio alle promesse nate nel vivaio è altrettanto vero che il PSG sposta in alto la media, andando ad acquistare all'estero elementi talvolta non più giovanissimi. Il lavoro svolto dal Lione e da altre note fabbriche di talenti, di fatto, viene "vanificato" dal colosso PSG, capace di andare ad acquistare il giocatore già fatto e finito, con lo stipendio stellare.

Questi i top player presi in considerazione per valore di mercato e ingaggio:
Cartellino: Mbappé, Neymar, Marquinhos, Camavinga, Icardi, Aouar, Depay, Ben Yedder, Kamara, Kean, David, Ikoné, Guimaraes, Badiashile, Botman, Sanches, Thauvin, Volland, Gouiri, Cherki.

Ingaggio: Verratti, Di Maria, Navas, Paredes, Bernat, Kimpembe, Fabregas, Draxler, Gueye, Kurzawa.

2. Premier League: 22,5 anni

Foden e De Bruyne | Clive Brunskill/Getty Images
Foden e De Bruyne | Clive Brunskill/Getty Images

Lo strapotere economico della Premier League si palesa valutando l'età media di arrivo dei top player nel campionato: i club inglesi hanno il poter di andare a prendere giocatori nell'età ideale, 23-24 anni, che risultano già fuori mercato per altri contesti europei. Al contempo occorre comunque sottolineare, e qui la differenza con l'Italia è piuttosto evidente, la presenza di elementi cresciuti vivaio in club di prima fascia: Kane, Alexander-Arnold, Sterling, Rashford e Foden rappresentano un patrimonio significativo in questo senso.

Questi i top player presi in considerazione per valore di mercato e ingaggio:
Cartellino: Kane, Salah, Alexander-Arnold, Mané, Sterling, De Bruyne, Bruno Fernandes, Rashford, Heung-min Son, Foden, Rodri, Havertz, Ruben Dias, Bernardo Silva, Robertson, Van Dijk, Werner, Alisson, Pogba, Gabriel Jesus.

Ingaggio: Bale, De Gea, Aubameyang, Partey, Martial, Aguero, Cavani, Thiago Alcantara, Ndombelé, Willian.

1. Serie A: 22,6 anni

CR7 esulta con Chiesa | Jonathan Moscrop/Getty Images
CR7 esulta con Chiesa | Jonathan Moscrop/Getty Images

Non è un luogo comune dunque: l'Italia non punta con altrettanta decisione sui giovani di qualità rispetto ad altri contesti europei, Bundesliga in primis. Gli elementi di maggiore spicco, in sostanza, spesso arrivano dall'estero e non vengono cresciuti in casa: al di là dell'età, infatti, è anche la nazionalità dei giocatori presi in considerazione a tracciare la differenza rispetto ad altre realtà: Chiesa, Donnarumma, Barella e Bastoni rappresentano i semi di un movimento che spera di crescere. Analizzando in particolare gli elementi dall'ingaggio più elevato spicca l'età media elevata in cui questi sono arrivati in Italia: Eriksen, Dzeko, Ramsey ma non solo, tutti giocatori sbarcati in Serie A nel pieno della maturità.

Questi i top player presi in considerazione per valore di mercato e ingaggio:
Cartellino: Lukaku, De Ligt, Lautaro Martinez, Milinkovic-Savic, Chiesa, Donnarumma, Barella, Dybala, Bastoni, Skriniar, De Vrij, Osimhen, Hakimi, Arthur, Theo Hernandez, Kessié, Morata, Luis Alberto, Koulibaly, Cristiano Ronaldo.

Ingaggio: Eriksen, Dzeko, Sanchez, Ramsey, Rabiot, Ibrahimovic, Vidal, Szczesny, Bonucci, Alex Sandro.

Segui 90min su Instagram