Chef della Juve deceduto a 68 anni, era affetto da una malattia

·3 minuto per la lettura
Juventus
Juventus

Il cuoco ufficiale della Juventus, Antonio Canese, è deceduto all’età di 68 anni. L’uomo era titolare di un ristorante situato a Porto Venere e rappresentava una delle figure più importanti della gastronomia locale.

Antonio Canese, morto a 68 anni il cuoco ufficiale della Juventus

Nella mattinata di lunedì 19 luglio, Antonio Canese si è spento all’età di 68 anni: l’uomo era noto come il cuoco ufficiale della Juventus.

Il legame tra Antonio Canese e il club calcistico è sempre stato estremamente intenso anche prima che l’uomo venisse scelto come “cuoco ufficiale” della squadra. Il 68enne, infatti, ha sempre seguito la Juventus nel corso della sua attività calcistica, partecipando a trasferte, ritiri e amichevoli.

Antonio Canese, inoltre, si occupava di organizzare cene per e con giocatori e dirigenti presso il suo ristorante “La Marina”, ubicato a Porto Venere, in provincia di La Spezia, in Liguria.

Il cuoco, deceduto in seguito a una devastante malattia che ne ha provocato l’improvvisa scomparsa, ha vissuto con la Juventus non solo i momenti più gioiosi e di successo ma anche le esperienze più deludenti. Aveva accompagnato i bianconeri, ad esempio, in occasione della drammatica finale della Coppa dei Campioni disputata contro il Liverpool il 29 maggio del 1985, funestata dalla morte di 39 tifosi, dei quali 32 italiani.

I funerali di Antonio Canese sono stati celebrati in Piazza Spallanzani nella giornata di martedì 20 luglio. In occasione delle esequie, gli abitanti di Porto Venere hanno potuto salutare per l’ultima volta una delle istituzioni più importanti della gastronomia locale.

Morto Antonio Canese, i messaggi di cordoglio

In seguito alla sua scomparsa, il cuoco della Juventus, Antonio Canese, è stato ricordato da parenti e amici attraverso svariati post apparsi sui social.

Il consigliere comunale de La Spezia, Guido Melley, ha scritto su Facebook il seguente messaggio: “Quanti ricordi con te e Vince, in chiusura del tuo locale quando spesso partiva una spaghettata anche a tarda notte. Quanti sberleffi e sfottò tra te juventino incallito ed io nerazzurro impenitente, quanti racconti della tua esperienza in giro per il mondo con la Juve e che bello sentirti raccontare, un paio di anni fa, di quando Conte passato all’Inter avrebbe voluto portarti con sé nello staff interista nonostante la tua fede bianconera. Caro Anto’, ci mancherà la tua simpatia ed il tuo sorriso”.

Il sindaco di Porto Venere, Matteo Cozzani, invece, ha dichiarato: “Oggi ci ha lasciato un pezzo di storia di Porto Venere. Sei stato un grande professionista e un grande uomo. A tutti mancheranno il tuo sorriso e il tuo immancabile e contagioso buon umore. Riposa in pace Anto…”.

Morto Antonio Canese, la reazione della Juventus

Il 68enne Antonio Canese, poi, è stato ricordato anche dalla sua amata Juventus. Lo Juventus Club DOC – La Spezia 1985, di cui era presidente onorario, infatti, ha diramato una nota ufficiale che riporta il seguente messaggio: “Con Antonio se ne va una parte importante del Club, da oggi niente sarà più come prima”.

Antonio Canese, inoltre, era anche diventato molto amico di Marcello Lippi, il ct che portò l’Italia a conquistare la vittoria dei Mondiali nel 2006.

Tra i tanti messaggi di cordoglio, infine, c’è anche chi ricorda i momenti trascorsi dallo chef in compagnia del presidente della Juventus Giampiero Boniperti, spiegando: “Dalle serate a Villar Perosa – dove aveva passato anche parte del viaggio di nozze – alla cena a base di pesce cucinato da Antonio nella sede di piazza Crimea con il presidentissimo Giampiero Boniperti”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli