Chiamatela 'zona Milan': 7 gol negli ultimi 15 minuti , è il fattore per tenere viva la lotta scudetto

Gli ultimi 15 minuti di gara, o meglio addirittura gli ultimi 10 più recupero. Quella che una volta veniva chiamata "Zona Cesarini", in onore della storica mezzala dell'Italia e della Juventus, Renato, oggi qualcuno ha iniziato a ribattezzarla "Zona Milan". È successo, anche fortuitamente, nella sfida di ieri sera contro la Fiorentina, con l'autgolo di Milenkovic al 92esimo che ha portato al 2-1 finale che tiene i rossoneri in corsa per lo scudetto alle spalle del Napoli, ma il dato sta diventando una costante.

7 GOL NELL'ULITMO QUARTO D'ORA - Da inizio anno e soprattutto nelle ultime 8 partite è successo già 4 volte. In 15 giornate sono 7 i gol segnati nel quarto d'ora finale di gara in Serie A a fronte dei soli 2 subiti, ma di questi ben 4 si sono rivelati decisivi per la vittoria finale. È successo contro la Fiorentina ieri, ma anche contro lo Spezia alla 13esima con la magia di Giroud all'89esimo. Col Verona alla 10a il gol di Tonali arrivò all'81esimo, mentre con l'Empoli oltre al gol di Rebic che sbloccò la gara al 79' ci furono i due gol di Ballo-Touré al 93esimo e quello di Leao al 96esimo.

FATTORE SCUDETTO - Il Milan non molla mai ed è un trend che, in realtà, prosegue ininterrotto da inizio 2022 ed è stato un fattore chiave anche nella vittoria dello scudetto della scorsa stagione. Fin da quando Giroud si girò nel derby al 78esimo, ma anche nel pari con la Salernitana, e soprattutto nelle vittorie contro Lazio (Tonali) e Fiorentina (Leao) nelle ultime 4 gare decisive del torneo. E che possa essere questa la chiave per la rincorsa al Napoli? La certezza è che per battere il Milan l'impegno e la concentrazione al massimo non possono durare meno di 90 minuti più recupero.