Chiese un autografo ad Haaland: sospeso il guardialinee rumeno di Manchester City-Borussia Dortmund

  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
Niccolò Mariotto
·1 minuto per la lettura
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

Nei giorni scorsi l'immagine di lui al fianco di Erling Haaland intento a firmare un autografo al termine del match di Champions League tra Manchester City e Dortmund aveva fatto il giro del mondo: ora però Octavian Sovre è nei guai proprio per colpa di quell'autografo.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Come riportato da Sky Sport, la commissione arbitrale dell'UEFA ha deciso di sospendere il guardialinee rumeno in quanto un arbitro (o un assistente) non possono chiedere un autografo a un calciatore professionista: Sovre a causa dell'autografo richiesto al centravanti norvegese del Dortmund è stato, come detto, temporaneamente sospeso dal suo incarico.

Nei giorni seguenti la partita la stampa rumena ha chiarito il fatto che Sovre ha richiesto l'autografo ad Haaland a scopo benefico per raccogliere fondi a favore di un centro che si occupa d'adulti afflitti da gravi forme d'autismo ma nonostante le sue nobili intenzioni il guardialinee rumeno è stato ugualmente sospeso dall'UEFA.

Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo della Serie A.