Ci eravamo perse le riflessioni di Heather Parisi sulla menopausa (e in effetti fanno bene a tutt*)

Di Monica Monnis
·3 minuto per la lettura
Photo credit: Ernesto Ruscio - Getty Images
Photo credit: Ernesto Ruscio - Getty Images

From ELLE

Quando i social si svestono di #ad discutibili e avatar spaventosi, e tornano al loro core business. Quando diventano davvero un trait d'union e abbattono davvero i muri del tempo e dello spazio concimando un terreno con potenzialità immense e rendendolo fertile a confronti, racconti, sorrisi e pacche sulle spalle (e anche critiche, sempre ben accette se non vomitate ma espresse con garbo e cognizione di causa). Che sia depressione, ansia, problemi alimentari, poco importa, utilizzare l'immediatezza della comunicazione social per sradicare un tabù, soprattutto quando l'input è dato da un profilo con la spunta blu, è sempre cosa buona e giusta. Ad abbattere un cliché, questa volta, è Heather Parisi che dalla sua finestra sul mondo intavola un discorso Girl Talk non tirandosi indietro e mettendo il suo vissuto in primo piano. Dunque, Heather Parisi ha parlato su Instagram di menopausa, della sua menopausa, e ha fatto bene.

View this post on Instagram

Oggi mettiamo i maschietti a nanna, e facciamo "Girl Talk". Per molte donne è ancora un tabù, così come lo è parlare del proprio “periodo mensile”. Abbiamo imparato a destreggiarci tra mestruazioni, gravidanze, allattamento, la crescita dei figli, ma quando "di punto in bianco" arriva la menopausa a farci visita, beh, un po’ ci coglie impreparate. Brain Fog (mente annebbiata), Hot Flashes (vampate), Insomnia e Mood Swings (sbalzi di umore) vi fanno venire in mente qualcosa? Dai, non siate timide, prima o poi ci passiamo tutte! Ho iniziato ad avere le classiche "vampate di calore" verso la fine dei miei 40, anche se sono svanite immediatamente quando sono rimasta incinta all’età di 49 anni e ho dato alla luce i miei due gemelli. Poi sono ricomparse qualche anno fa e ora ciclicamente fanno capolino nelle mie giornate. Le perle di sudore sul labbro superiore sono qualcosa che ho SEMPRE avuto, anche quando avevo 20 anni. Sicuramente avrete notato il mio "tic" di asciugarmi con l'indice quando ero in televisione. Ma ora mi capita di chiedere: Qualcuno ha acceso il riscaldamento? Ho appena iniziato a sciogliermi. Allora andiamo per ordine... Brain Fog è uno di quei momenti divertenti (si fa per dire) durante i quali sei immersa in una conversazione e la tua mente diventa improvvisamente vuota, sì BLANK! Non hai idea di cosa stavi parlando e ti senti insicura come un manichino. Anche se è solo per alcuni istanti, sembra non finire mai. Mood Swings è un altro piatto del menu “menopausa”. Happy, Happy, Happy e poi, all’improvviso senza nessun motivo, diventi nervosa e distaccata, permalosa e irritabile. Non è una situazione divertente specialmente quando sei vicino ai tuoi figli. Già è difficile crescere i nostri preziosi, ma questi sbalzi di umore possono portarti "fuori pista" per alcuni minuti. L'insonnia a dire il vero è iniziata con la situazione #Covid19 e ha deciso di tenermi ancora compagnia. Ti rigiri TUTTA LA NOTTE e i tuoi pensieri corrono senza fermarsi mai. Poi finalmente ti addormenti, ma è già arrivato il mattino. Quante di voi stanno vivendo questi momenti, come me? E quante si sentono libere di parlarne? H* #heatherparisi #umberto #amolamiavita

A post shared by Heather Parisi 🤐 (@heather__parisi) on Oct 4, 2020 at 10:22pm PDT

“Per molte donne è ancora un tabù, così come lo è parlare del proprio periodo mensile”, ha scritto Heather, 60 anni e non sentirli (e vederli), “abbiamo imparato a destreggiarci tra mestruazioni, gravidanze, allattamento, la crescita dei figli, ma quando di punto in bianco arriva la menopausa a farci visita, beh, un po' ci coglie impreparate". Nel lungo post, la showgirl americana icona del varietà televisivo anni '80, dal 2011 in pianta stabile ad Hong Kong, ha descritto alla perfezione i sintomi legati al climaterio, dal Brain Fog ("è uno di quei momenti divertenti -si fa per dire- durante i quali sei immersa in una conversazione e la tua mente diventa improvvisamente vuota") all'insonnia, accentuata nel suo caso dalla pandemia, dalle Hot Flashes (la famose vampate) al Mood Swings aka gli sbalzi di umore ("Happy, Happy, Happy e poi, all’improvviso senza nessun motivo, diventi nervosa e distaccata, permalosa e irritabile").

View this post on Instagram

Mentre si cammina per strada, quando si arriva al lavoro, o quando semplicemente si entra in un ristorante o in un negozio, un sorriso può cambiare l'umore di una persona, immediatamente! Il sorriso è una delle medicine più efficaci per sé e per gli altri. Non ha effetti collaterali e non ingrassa le tasche di nessuna multinazionale. Donare e ricevere un sorriso sincero, è il modo migliore per alleviare stress e ansia, mentre si prova a riportare un po’ di normalità durante questi momenti di disagio. Non è solo una distrazione da questa realtà, ma è anche la scelta vincente per rimanere in salute mentalmente. Ci aiuta a tenere a bada le emozioni negative e ci offre una prospettiva diversa, permettendoci di vedere le cose brutte NON come una minaccia, ma come una sfida. Se non possiamo cambiare i nostri problemi, possiamo almeno cambiare il modo in cui li vediamo, e il sorriso dà questo potere. Lo so, oggi è difficile anche solo immaginare di scorgere un sorriso sul viso di chi incontriamo, censurato come è, dalle maschere che indossiamo. E di certo non aiuta il generale clima di intimidazione e di paura che ci viene costantemente propinato in televisione e sui giornali. Ma nonostante tutto, nonostante non ci vogliano far sorridere, noi oggi, anche se solo per un istante, regaliamo e regaliamoci un sorriso ❤ #heatherparisi #umberto #hklife #sorrideresempre #amolamiavita

A post shared by Heather Parisi 🤐 (@heather__parisi) on Oct 12, 2020 at 10:13pm PDT

Il tutto raccontando la sua esperienza senza vergogna o paura di toccare argomenti scomodi o di inficiare la sua immagine: da quelle prime vampate di calore avvertite per la prima volta verso la fine dei 40 anni "svanite immediatamente" poi durante la sua gravidanza (Heather è rimasta incinta a 49 anni e nel 2010 sono nati i gemelli Elizabeth e Dylan ndr), "ricomparse qualche anno fa" e che ora ciclicamente fanno capolino nelle sue giornate. Il dado è tratto e le sue followers l'hanno preso al balzo, fiutando l'occasione per fare squadra e dimostrare che la solidarietà femminile esiste, eccome se esiste. "Quante di voi stanno vivendo questi momenti, come me? E quante si sentono libere di parlarne?", ha poi chiosato Heather racimolando tantissimi commenti, tra cui avremmo potuto tranquillamente scorgerne uno di una persona speciale. No, non Lorella Cuccarini, la sua Nemicamatissima non proprio così amatissima, ma Michelle Obama che proprio un paio di mesi fa ha parlato di menopausa nel suo podcast. Heather Parisi cicale cicale cicale e molto di più.