Ciclismo in lutto: è morto il campione francese Raymond Poulidor

Adx

Roma, 13 nov. (askanews) - Il mondo del ciclismo è in lutto. E' morto questa notte in Francia, dopo un lungo ricovero, Raymond Poulidor. Aveva 83 anni. Leggendario campione francese e nonno di Mathieu van Der Poel e da tutti ricordato per i suoi duelli con Anquetil e Merckx. Al Tour de France ha vinto sette tappe senza conquistare mai la classifica generale. Sui Campi Elisi per 5 volte è salito sul terzo gradino e per tre è arrivato secondo: una nel 1964 dietro ad Anquetil, nel 1965 dietro Felice Gimondi e poi nel 1974 alle spalle del Cannibale. Il duello tra il francese e il belga in quell'anno continuerà ancora e al mondiale di Montreal, Raymond Poulidor arrivò ancora secondo dietro a Merckx. Nato a Masbaraud-Mérignat, Poulidor ha vinto tre medaglie di bronzo ai Campionati Mondiali su strada, la vittoria nel 1964 alla Vuelta di Spagna e la Milano-Sanremo nel 1961. Nel 1963 conquistò anche la Freccia-Vallone. Le immagini del suo volto coperto di sangue al Tour del 1968 dopo essere caduto a causa di una moto, mentre proseguiva la corsa fecero il giro del mondo. A 40 anni compiuti ancora una volta è arrivato terzo nella classifica generale della Grande Boucle. A proseguire la tradizione ora c'è Mathieu Van Der Poel, figlio Adrie il campione olandese e Corinne Poulidor, la figlia di Raymond.

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

Potrebbe interessarti anche...