Ciclismo - Rodriguez: “Radiazione per chi imbroglia”

A rimetterci, spiega il 33enne spagnolo, sono soprattutto “i corridori di oggi”. “Abbiamo perso sponsor, soldi, credibilità e soprattutto l’affetto della gente”, spiega Rodriguez che su Armstrong ha un’idea ben precisa: “Bisogna buttare fuori dal ciclismo chi ha a che fare con il doping. Io voglio contribuire a migliorare questo sport…”

Eurosport
Ciclismo - Rodriguez: “Radiazione per chi imbroglia”
.

Visualizza foto

Joaquin Rodriguez im Zeitfahren der Vuelta 2012

Radiazione per chi imbroglia e sguardo rivolto al futuro. Questo in estrema sintesi il messaggio voluto lanciare da Joaquin Rodriguez, numero uno del ranking mondiale 2012, in riferimento alla vicenda-Armstrong che ha sconvolto il ciclismo internazionale dopo il dossier di 1000 pagine pubblicato e diffuso dall’Usada, l’agenzia antidoping statunitense.

Intervistato dal giornate belga “Het Nieuswsblad”, uno dei quotidiani che – insieme alla ‘Gazzetta dello Sport’ – ha firmato il “Manifesto del ciclismo pulito”, il vincitore dell’ultimo Giro di Lombardia ha parole durissime per chi bara, per chi cerca di raggiungere i risultati nello sport tramite l’utilizzo di scorciatoie. “Bisogna buttare fuori per sempre chi ha a che fare con il doping - è il pensiero di ‘Purito’ -, che si tratti di medici o di corridori”.

Con i podi ottenuti al Giro d’Italia e alla Vuelta di Spagna, Rodriguez è stato uno dei corridori più regolari della stagione da poco conclusa. Ammette di essere rimasto sconvolto dal caso-Armstrong e si dice pronto a ‘trainare il gruppo fuori dal pantano del doping’. “Conosco la strada che ho percorso, non ho mai avuto e non penso che avrò mai problemi con il doping - spiega il corridore spagnolo, vincitore nel 2012 anche della Freccia Vallone -. Voglio contribuire a rendere questo sport migliore”.

D’ora in poi, però, bisogna guardare in avanti. Il 33enne della Katusha non comprende come sia stato possibile aspettare così tanto per smascherare Armstrong, ma adesso vorrebbe che si voltasse pagina. “Questo sport ha un passato – conclude Rodriguez – ed è anche per questo che oggi ci sono tante norme in materia di antidoping. I veri sconfitti sono i ‘corridori di oggi’, noi che abbiamo perso sponsor, soldi, credibilità e soprattutto l’affetto della gente. Dobbiamo guardare al futuro”.

Tutte le news di sport sono disponibili 24 ore al giorno anche via Facebook e Twitter sulle pagine ufficiali di Eurosport

Visualizza commenti (11)
  • Mihajlovic nervoso: "Basta domande del c***o"

    Mihajlovic nervoso: "Basta domande del c***o"

    Il tecnico rossonero perde la calma nel post-partita dopo la vittoria contro il Genoa Altro »

    Omnisport - 24 minuti fa
  • Ligue 1, PSG 0-0 Lille

    Ligue 1, PSG 0-0 Lille

    Le immagini del deludente pareggio in casa degli uomini di Blanc Altro »

    Omnisport - 1 ora 0 minuti fa
  • De Fabiani come un treno! Secondo in volata nella 15 km di Falun

    De Fabiani come un treno! Secondo in volata nella 15 km di Falun

    Splendido Francesco De Fabiani è autore di una volata incredibile nella mass start svedese: resta solo alle spalle del vincitore Ustiugov, mentre si "mangia" clamorosamente il leader di Coppa del Mondo Sundby Altro »

    Eurosport Videos - IT - 2 ore 40 minuti fa
  • Ferrari 2016, prove del sedile per Iceman

    Ferrari 2016, prove del sedile per Iceman

    Ultimi lavori a Maranello prima della presentazione della vettura sul circuito di Barcellona Altro »

    Omnisport - 2 ore 59 minuti fa
  • LIVE PRIMAVERA - Pro Vercelli, Salvalaggio a Sportitalia: "Sono comunque soddisfatto, contro questa armata ci siamo adeguati. Abbiamo pagato gap fisico …

    LIVE PRIMAVERA - Pro Vercelli, Salvalaggio a Sportitalia: "Sono comunque soddisfatto, contro questa armata ci siamo adeguati. Abbiamo pagato gap fisico …

    Luca Salvalaggio, tecnico della Primavera della Pro Vercelli, ha commentato la sconfitta con la Juventus ai microfoni di Sportitalia: " Uscite comunque a testa alta... "E' normale che per raggiungere qualcosa in queste partite gli episodi ti devono girare quasi totalmente a favore. Le nostre occasioni le abbiamo avute, anche nel secondo tempo, per poter segnare, non l'abbiamo fatto. Sono soddisfatto di come i ragazzi hanno interpretato la partita, perchè abbiamo snaturato un po' quelle che sono le nostre idee, di solito cerchiamo di proporre di più calcio, però contro questa armata ci siamo un po' adeguati. Sono soddisfatto". Cosa le è piaciuto dei suoi ragazzi? Quale tra i gol subiti l'ha fatta arrabbiare di più? "Tutti e tre. Nel primo, il cross poteva essere letto sicuramente meglio, potevamo mettere una pezza. Sugli altri ci sono state delle palle lunghe e la lettura poteva essere fatta sicuramente molto meglio. La Juve comunque non è che abbia rubato, anzi. Sono molto soddisfatto perchè abbiamo tenuto bene il campo, considerando il blasone delle de squadre, l'età conta anche quella... noi abbiamo giocato con i '97, '96 e tutti i '98 e la differenza di età si è sentita". Meritavate qualche punto in più in classifica... "Sicuramente sì, però lo abbiamo messo in preventivo perchè quest'anno stiamo un po' ripartiti a livello di Primavera. L'anno scorso eravamo forse una delle squadre più vecchie, mentre quest'anno siamo sicuramente una delle più giovani. Abbiamo pagato oltre che dal punto di vista fisica, anche da quello dell'esperienza, abbiamo lasciato tanti punti nel girone d'andata proprio per ingenuità. Il prossimo anno questi ragazzi, affrontando di nuovo un campionato Primavera, avranno la possibilità di fare meglio". Altro »

    Sportitalia Video - 3 ore fa