Cina, tycoon Lai Xiaomin condannato a morte per tangenti

Primo Piano
Lai Xiaomin (Facebook)
Lai Xiaomin (Facebook)

Lai Xiaomin, ex presidente di China Huarong Asset Management, una delle più grandi e note società di gestione patrimoniale controllate dalla Cina, è stato condannato a morte per "corruzione e bigamia".

Il tycoon è stato giudicato colpevole di aver ottenuto 215 milioni di euro in tangenti.

Gli importi erano "estremamente elevati, le circostanze particolarmente gravi e con intenti estremamente dannosi", ha detto un tribunale di Tianjin nel pronunciare la sentenza di condanna alla pena capitale.

VIDEO - Cina: denunciò l'insabbiamento delle notizie sul coronavirus, quattro anni di prigione a Zhang Zhan