Ciro Immobile nei guai: condannato per evasione fiscale per colpa di Moggi Jr

Ciro Immobile nei guai: condannato per evasione fiscale per colpa di Moggi Jr (REUTERS/Alessandro Garofalo)
Ciro Immobile nei guai: condannato per evasione fiscale per colpa di Moggi Jr (REUTERS/Alessandro Garofalo)

Guai col fisco per Ciro Immobile, attaccante e capitano della Lazio e punta della Nazionale azzurra allenata da Roberto Mancini. Il bomber, infatti, è stato condannato dalla quinta sezione civile della Cassazione per evasione fiscale e dovrà ora risarcire l'Irpef versata.

L'attaccante, secondo quanto riportato da La Repubblica, è finito nel mirino dei magistrati per il passaggio avvenuto nel 2012 dalla Juventus al Genoa, club estranei alla vicenda. Il trasferimento è però il cuore dell'indagine della Guardia di Finanza che ha scoperto che l'affare è stato "viziato" dalla doppia figura di Alessandro Moggi, figlio di Luciano nonché consulente del Genoa.

Eppure Moggi, secondo quanto si evince dalle carte, non era solo consulente del Grifone, ma anche manager dell'attaccante all'epoca 22enne che si stava trasferendo in Liguria per 4 milioni di euro. Moggi jr, infatti, sembra aver condotto la trattativa come fosse procuratore di Immobile che però, in fase di dichiarazione, non ha versato l'Irpef relativa alle prestazioni dell'agente.

VIDEO - Jessica e Immobile: ecco l’ecografia del bimbo

Immobile durante il processo si è difeso sostenendo, con i suoi legali, che Moggi Junior non poteva essere all'epoca il suo procuratore dal momento che aveva assegnato un "mandato in esclusiva - si legge sempre nelle motivazioni - a un diverso agente, Marco Sommella". La tesi, però, non ha retto perché le indagini hanno dimostrato che tra Immobile e Moggi ci sarebbe stato un rapporto diretto tramite l'evidenza di versamenti effettuati dal Sommella al Moggi, con la causale "compenso Immobile", sia tramite il rinvenimento di un manoscritto dello stesso Moggi, che conteneva un elenco di calciatori da lui assistiti e che recava il nome di Ciro Immobile.

Immobile sarà quindi costretto a versare proprio quell'Irpef del 2012 per regolarizzare la propria posizione col Fisco e non incappare in nuove e ben più salate sanzioni da parte dell'Agenzia delle Entrate.