City-Real, Zoff e Cabrini: "Uno spot per il calcio"

In questo articolo:
  • Ops!
    Si è verificato un errore.
    Riprova più tardi.

(Adnkronos) - Manchester City-Real Madrid "è stata una bellissima partita, un grande spettacolo, il meglio che il calcio possa offrire oggi. Mi è molto piaciuto lo spirito delle due squadre che hanno giocato al massimo delle loro possibilità. C'è stato qualche errore in difesa ma quando si gioca a mille all'ora con l'obiettivo di superare l'avversario ci può stare". Il monumento del calcio italiano Dino Zoff si esprime così, all'Adnkronos, sul match d'andata della semifinale di Champions League che ieri sera all'Etihad Stadium ha visto prevalere gli inglesi per 4-3. "In Italia non la potremmo mai vedere una partita così perché si spezza troppo il gioco -sottolinea Zoff-, si fischiano troppi falli e i giocatori si buttano con eccessiva facilità per prendere un rigore o una punizione".

Anche Antonio Cabrini, compagno di squadra di Zoff alla Juventus e in Nazionale esalta lo spettacolo regalato da Pep Guardiola e Carlo Ancelotti. "Uno sport per il calcio. E' stata davvero una bella partita, tra due grandi squadre. Vedere tutti quei campioni confrontarsi a viso aperto in campo è stato un grande spettacolo". "Penso che tra una settimana al 'Bernabeu' assisteremo a un'altra grande partita -aggiunge l'ex giocatore della Juventus-. Il City parte leggermente favorito anche perché non c'è più la regola del gol in trasferta che vale doppio ma il Real è capace di qualsiasi impresa". "Dispiace che a questo punto della competizione non ci siamo più squadre italiane, vista la nostra tradizione. Purtroppo in questo momento paghiamo un gap economico rispetto alle 7-8 squadre più ricche in Europa e non ci possiamo più permettere i giocatori migliori", conclude Cabrini.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli