Closing Milan, stavolta è tutto vero: Yonghong Li è sbarcato a Milano

I dirigenti del Milan giovedì mattina incontreranno l'UEFA per ottenere il Voluntary Agreement, in caso di no potrebbe pagare anche Berlusconi.

Conferme importanti in vista del closing in casa Milan. Dopo Han Li, il suo braccio destro, anche l'uomo d'affari cinese Yonghong Li, al vertice del gruppo che rileverà la società rossonera, è sbarcato questa mattina a Milano. 

Con lui in arrivo anche i 190 milioni di euro provenienti dal suo patrimonio e necessari per chiudere l'acquisto del club rossonero assieme agli altri 180 che verranno dal Fondo Elliott. Il denaro dovrebbe già trovarsi in Lussemburgo ed entro giovedì dovrà essere versato sui conti UniCredit di Fininvest.

L'aereo con a bordo Yonghong Li è arrivato a Malpensa da Hong Kong alle 7.20 del mattino, con circa mezz'ora di anticipo sull'orario previsto. Sguardo fiero, giacca nera sopra una maglia bianca, Yonghong Li è pronto alla stretta finale che porterà all'acquisizione del Milan entro giovedì.

Martedì prima c'è stato un vertice negli uffici di Fininvest con presenti Han Li, Marco Fassone e Massimiliano Mirabelli, poi i 3 la sera si sono diretti allo Stadium per il big match di Champions League fra Juventus e Barcellona. Con loro presente anche Giacomo Petralito, intermediario in tanti affari di calciomercato tra Italia e Germania, già attivo nelle trattative per Kolasinac e Luiz Gustavo. 

Nella giornata di oggi si svolgerà un CdA del Milan: secondo lo Statuto del Milan occorre infatti il gradimento della governance uscente per il passaggio di quote azionarie a un soggetto non socio. Si tratta però di un semplice atto formale. Poi, secondo quanto riporta 'La Gazzetta dello Sport', i ritmi e i vari passaggi diverranno più incalzanti nella giornata di giovedì: nella mattinata ci sarà la stesura definitiva del contratto di compravendita, a cui seguiranno le firme, attese entro il pomeriggio nello studio del notaio Giacomo Ridella.

Giovedì pomeriggio è prevista una visita ad Arcore da Berlusconi, che in quell'occasione esprimerà il suo no definitivo alla presidenza onoraria. La serata si concluderà con una cena ad Arcore. Venerdì mattina a Casa Milan, si terrà la conferenza stampa di insediamento. Poi, alle 14, ci sarà il passaggio di consegne della governance del club, ratificato dall’assemblea dei soci, con l'insediamento del nuovo CdA. 

Quest'ultimo dovrebbe comporsi di 8 consiglieri: 4 cinesi - i due Li, Lu Bo, e forse Xu Renshuo - e 4 italiani: l’a.d. Marco Fassone, l’avvocato Roberto Cappelli, i manager Marco Patuano e Paolo Scaroni. Sempre nel pomeriggio di venerdì a Milanello potrebbe esserci alla vigilia del derby della Madonnina un incontro fra Fassone e Mirabelli e la squadra. Sabato, alle 12.30, infine, tutti i componenti della nuova società saranno presenti a San Siro per assistere alla sfida contro l'Inter.

Il momento tanto atteso del passaggio di proprietà sta arrivando. Per il Milan una nuova era è alle porte.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità