Come trovare la forza dentro di noi: le dritte di tre campioni "solitari"

Ilaria Betti
·.
·2 minuto per la lettura
(Photo: Getty Facebook)
(Photo: Getty Facebook)

Da soli a cavallo di una bicicletta, pedalando col cuore in gola. Oppure sul campo da tennis o a ottomila metri d’altitudine, sferzati dal vento e dal gelo. Gli atleti che praticano sport “individualisti” conoscono bene la potenza della mente nella solitudine e ne hanno fatto il proprio punto di forza. In questa lunga corsa ad ostacoli che è la pandemia, con la linea del traguardo che si intravede a malapena, abbiamo chiesto a tre campioni del ciclismo, dell’alpinismo e del tennis qualche consiglio per aumentare la nostra resistenza. La paura, la stanchezza e la fatica possono davvero diventare un motore? E come dare alla prigione che stiamo vivendo tutto un altro volto? Se è vero che spingersi oltre i propri limiti è una tendenza con cui si nasce, è anche vero che la perseveranza e la resilienza sono muscoli che possono essere allenati. E le imprese di Claudio Chiappucci, Flavia Pennetta e Simone Moro lo dimostrano.

“Fate quello che dovete fare, giorno dopo giorno” (Claudio Chiappucci, El Diablo)

(Photo: Marka via Getty Images)
(Photo: Marka via Getty Images)

Una vita da ciclista in fuga. Claudio Chiappucci, soprannominato “El Diablo”, vincitore delle classifiche degli scalatori al Giro d’Italia, al Tour de France e alla Vuelta, è uno che ha compiuto imprese rimaste nella storia del ciclismo. Come quella del 1992, quando dopo 245 km arrivò solitario a tagliare il traguardo a Sestriere. “La mente è quella che ti aiuta nei momenti di difficoltà - racconta ad HuffPost - bisogna essere concentrati sul momento, togliersi dal sentore delle problematiche, non perdersi d’animo e darsi da fare nello stesso tempo. Durante quella mia impresa storica, ad esempio, io ho continuato a pedalare mentre la mente continuava a fare il suo lavoro, ovvero non mollare la presa, tenermi ancorato a quel momento”.

“Sono state sette ore e 45 di competizione, di fatica, e di continui pensieri rivolti a quello che stavo facen...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.