Commisso è ancora furioso con Chiesa

·1 minuto per la lettura

Rocco Commisso, presidente della Fiorentina, ha cercato di tranquillizzare i tifosi viola su Lady Radio. "Se io credevo che i tifosi fossero contro di me, sarei già scappato da Firenze. La cosa che chiedo ai fiorentini è datemi tempo. Con Commisso presidente, nessuno si deve preoccupare che la Fiorentina possa fallire. Rocco non farà le stupidaggini che ha fatto mister Li al Milan. I soldi della Mediacom sono veri. Senza ricavi non possiamo competere con chi ha 400-500 milioni di ricavi a stagione. Io non posso mettere ogni anno 50 o 100 milioni. Questo non verrà mai fatto. Lo faremo tramite gli investimenti, tramite il Centro Sportivo o lo stadio se me lo faranno fare. Lasciandomi fare lo stadio potremmo arrivare a 225 milioni di euro di incassi, ma arriveranno solo se verrà fatto il nuovo impianto. Senza introiti e senza incassi è impossibile che la Fiorentina a lungo termine arrivi dove voglio io. Questo non vuol dire che non vogliamo arrivare in Champions a un certo punto ma io bugie non ne voglio dire", le parole del patron viola. Commisso è anche tornato a parlare dell'addio di Chiesa, trasferitosi alla Juventus. "Ancora oggi non mi ha chiamato per salutarmi. Le responsabilità della squadra e dei dirigenti? Io ho parlato con i dirigenti e gli ho detto che dobbiamo essere più uniti e che non devono uscire notizie che fanno male alla Fiorentina. Se vogliono parlare con i giornalisti, devono parlare di moglie e figli e non della Fiorentina. Pradè e Prandelli hanno già parlato con i giocatori, perché hanno delle responsabilità. Abbiamo una buona squadra e sono convinto di questo. I soldi che ho speso per alzare il monte ingaggi e gli investimenti che ho fatto, altrimenti dove sono finiti?".