Comore pareggia contro l'Egitto: scatta l'invasione di campo

La piccola nazionale africana sta stupendo tutti: dopo il pareggio contro l'Egitto e la testa del girone, tutti in campo a festeggiare.
La piccola nazionale africana sta stupendo tutti: dopo il pareggio contro l'Egitto e la testa del girone, tutti in campo a festeggiare.

Alzi la mano chi conosce un giocatore della Nazionale delle Isole Comore. Certo, i fans più sfegatati del calcio internazionale, sopratutto di quello minore, potrebbero enunciare anche l'intera squadra. Ma per il resto, la piccola rappresentativa africana è sempre stata tra le meno importanti a livello mondiale. Fino ad oggi.

Sì, perchè la Nazionale di Comore, impegnata nelle qualificazioni alla Coppa d'Africa del 2021, sta ampiamento facendo parlare di sè negli ultimi giorni. Inserita in un duro girone con Egitto, Togo e Kenya, la rappresentativa allenata da Amir Abdou è prima in classifica dopo due turni.

Non solo Comore è riuscita ad espugnare clamorosamente il campo del Togo nella prima giornata di qualificazione, ma anzi ha fermato il favoritissimo Egitto per 0-0 nel proprio stadio, portando i tifosi di casa ad un'entusiasmo incredibile. Poco divertimento, poche emozioni, grande risultato.

Scorri per continuare con i contenuti
Annuncio

A fine gara, incredibilmente, è scattata l'invasione di campo in massa. Giocatori di Comore presi dall'assalto dai connazionali, decisi a portare via un souvenir della giornata che potrebbe aver dato una svolta alla storia calcistica della piccola rappresentativa africana, che a livello di abitanti ne ha circa venticinque in meno di Il Cairo.

Contro Comore, l'Egitto non poteva contare sull'infortunato Salah, ma aveva in formazione diversi elementi importanti, quelli che nelle ultime stagioni hanno riportato la squadra del nord-africa ad essere tra le più tempute del continente. Eppure, la foga del piccolo stato insulare è stata decisiva.

Ed ora, Comore può realmente approdare alla Coppa d'Africa per la prima volta nella sua storia? Difficile dirlo, attualmente appare improbabile. Eppure i quattro punti in cascina possono portare ad una vera e prima speranza di entrare nel mappamondo calcistico dopo esserne rimasto fuori per decenni.

Del resto l'aver resistito alle gare contro le più forti del girone può aiutare sensibilmente: se dovesse uscire indenne anche contro il Kenya, allora il Comore potrebbe realmente cominciare a lavorare su una qualificazione alla Coppa d'Africa al fianco dell'Egitto. Se un pareggio contro l'Egitto nella seconda gara di qualificazione ha portato l'intero stadio a fare invasione di campo, un approdo a Camerun 2021 manderebbe in tilt il paese. 700.000 persone in strada a festeggiare la storia.

Potrebbe interessarti anche...